I mercati americani tra previsioni, proiezioni, trend e il rischio di rivedere i minimi del 2009

Su questo sito più volte abbiamo rimarcato la differenza tra le previsioni, le proiezioni e il trend .

Le previsioni sono le attese  per un qualunque strumento che si possono costruire partendo dalle serie storiche.

Le proiezioni sono l’insieme di obiettivi di prezzo, supporti e resistenze calcolati basandosi sulle quotazioni attuali dello strumento.

Il trend esprime in che direzione va il mercato: al rialzo, al ribasso, in laterale.

Da queste definizioni è chiara la differenza ed è anche chiaro l’ordine d’importanza con il quale vanno considerati. La cosa più importante è il trend; in seconda battuta gli obiettivi di prezzo delle proiezioni; in ultima analisi le previsioni.

Ti diamo la possibilità di acquistare i segnali del Blog Riservato + l’abbonamento al The Calculator per 1 mese a soli 100,00 anzichè 200,00!

Approfittane ora!

In questo articolo vogliamo discutere previsioni, proiezioni e trend per il principale indice americano: il Dow Jones.

Previsioni

Dalle statistiche storiche e ultra-centenarie nell’ebook “Il codice dei Mercati Finanziari” abbiamo elaborato un frattale previsionale per ciascun anno. Qui di seguito trovate quello del 2017 (linea rossa) e il suo confronto con l’andamento reale delle quotazioni nel 2017 (linea blu); in verde è riportato il frattale previsionale per il 2037.

Notiamo subito come fino a ora la previsione ha collimato con l’andamento delle quotazioni. Tuttavia adesso ci troviamo a un punto decisivo per il destino del Dow Jones. Il frattale, infatti, prevede un minimo per la settimana 14 (± 2 settimane) e la prossima sarà la settimana numero 16. Le previsioni, dunque, sono per una ripartenza al rialzo. Come detto in precedenza, però, le previsioni si devono confrontare con la realtà. Andiamo, quindi, a vedere cosa ci dicono le proiezioni e quale sia il trend in atto.

 

Trend e Proiezioni

Sul time frame giornaliero (trend di breve) la proiezione in corso è ribassista (linea tratteggiata) con obiettivo in area 19600, prima, e successivamente in area 18800. Tuttavia per l’accelerazione ribassista è cruciale che venga rotta al ribasso il supporto in area 20390 – 20470.

 

Nel lungo periodo la tendenza è rialzista dal 2009 con un rialzo di oltre il 130% da quando il TC2 ha dato il segnale long.

Offerta in corso solo fino al 17 Aprile!

Acquistando 1 o più E-books per un totale di almeno 320€ riceverai 2 e-books a tua scelta in omaggio!

APPROFITTA DELL’OFFERTA

A febbraio 2017 le quotazioni hanno raggiunto il II° obiettivo naturale della proiezione rialzista e hanno intrapreso un rintracciamento che, se supportato dalla rottura del supporto in area 20460, potrebbe spingersi fino in area 18200. Tale livello è particolarmente importante. Il suo raggiungimento, seguito da ulteriori affondi ribassisti, potrebbe spingere le quotazione prima in area 13600 e successivamente in area 6000 (II° obiettivo naturale), che corrisponde ai minimi del 2009. Da notare che il raggiungimento dei prezzi sarà possibile e anticipato dal segnale ribassista del TC2 che conclamerà l’inversione del trend.

I mercati americani tra previsioni, proiezioni, trend e il rischio di rivedere i minimi del 2009 ultima modifica: 2017-04-16T09:00:10+02:00 da Redazione

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.