Meglio stare ancora lontani dai mercati di Wall Street. Come investire su Apple?

Momenti decisivi per i listini internazionali che continuano a rimanere impostati al ribasso senza dare segnali di inversione. Dove si andrà? Oggi inizia una settimana decisiva per capire se archiviare o meno definitivamente il rally natalizio e se il massimo annuale sia stato già segnato nelle scorse settimane.

In contesti del genere non si deve anticipare alcun movimento ma seguire di pari passo la tendenza in corso. Il nostro parere è il seguente: meglio stare ancora lontani dai mercati di Wall Street ma capiamo il perchè procedendo per gradi.

Alla chiusura di contrattazione del 3 dicembre gli indici americani hanno segnato i seguenti prezzi:

Dow Jones

34.580,08

Nasdaq C.

15.085,47

S&P 500

4.538,43

La mappa dei prezzi per definire la possibile direzione degli indici azionari

Dow Jones

Tendenza ribassista fino a quando non si assisterà ad una chiusura giornaliera superiore ai 35.005. Rialzi duraturi solo con una chiusura settimanale superiore a 35.288.

Nasdaq C. 

Tendenza ribassista fino a quando non si assisterà ad una chiusura giornaliera superiore ai 15.471. Rialzi duraturi solo con una chiusura settimanale superiore a 15.834.

S&P 500

Tendenza ribassista fino a quando non si assisterà ad una chiusura giornaliera superiore ai 4.609. Rialzi duraturi solo con una chiusura settimanale superiore a 4.673.

Il percorso campione settimanale previsto

Rimbalzo fra lunedì e martedì e poi ribasso fino a venerdì. Giorno 8 dicembre scadrà un setup annuale.

Fino a quando non cambierà la tendenza in corso quali obiettivi attendere nelle prossime settimane?

Dow Jones

34.670 e poi 32.743.

Nasdaq C.

15.259 e poi 14.301.

S&P 500 Index

4.472 e poi 4.202.

Meglio stare ancora lontani dai mercati di Wall Street. Come investire su Apple?

Il titolo Apple (NASDAQ:AAPL) ha chiuso la seduta del 3 dicembre al prezzo di 161,84 dollari in ribasso dell’1,17% rispetto alla seduta precedente.

Tendenza di breve e lungo termine rialzista. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale inferiore a 156,36, i prezzi potrebbero continuare a salire in poche settimane verso l’area di 168 e poi 175,5 dollari. Nuova forza di breve termine  con una chiusura giornaliera superiore a 164,96.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te