Nuovo massimo per il dollaro contro euro

a cura della dott.ssa Giovanna Maria Cristina Sambataro 

L’aumento dei tassi di interesse da parte della FED e la promessa dichiarata dalla Yellen di altri tre rialzi previsti nel corso del 2017 ha condotto il cambio al ribasso, il dollaro infatti si ritrova sui massimi non solo contro l’euro ma anche contro le altre valute. Il supporto 1,0500 è stato rotto è discesa sembra essere diretta alla parità.

Oggi, peraltro, alle 14:30 verrà pubblicato l’indice di produzione della Fed di Filadelfia.

Le borse asiatiche chiudono al ribasso, solo l’indice Nikkei resiste guadagnando lo 0,10%. Ciò dovuto al rafforzamento del dollaro che ha sfondato i 117 contro lo yen.

Gli indici americani, allo stesso modo, hanno chiuso la loro sessione al ribasso dopo varie sedute da record. La promessa di futuri rialzi ha portato gli investitori alle vendite.

Le piazze europee si avviano ad una apertura negativa, dove per Piazza Affari si intravede una giornata difficile. Il MPS e Unicredit da una parte e il caso Mediaset dall’altra, l’indice italiano sembra non aver pace.

 

L’oro continua la sua forte discesa al ribasso correlata al rafforzamento del dollaro.

 

Ad aggiungere altro pepe sono le scadenze dei set up trimestrali.

 

Consigliati per te