Mascherina riciclabile arriva da Napoli

L’allentamento del lock down e la necessità di ritornare in strada, almeno per quanto necessario, aumenta la necessità  di munirsi di dispositivi di protezione. Da qui, l’esigenza di fare scorte delle mascherine per le quali, come si sa, il secondo Decreto Cura Italia, ha imposto un calmiere ai prezzi incontrollati, fissandoli ad un massimo di 50 centesimi. Tra le tante imprese che si sono reinventate, convertendo la loro produzione onde garantire un numero sufficiente di mascherine alla popolazione, vi è la Dnt. Quest’ultima, appartiene a due fratelli napoletani, che hanno inventato una mascherina completamente riciclabile, ossia 100% green. Il tutto, per ridurre il forte impatto ambientale derivante dalla enorme quantità di mascherine usa e getta che verranno disperse nell’ambiente.

Lo scopo principale, dunque, di Giuseppe e Salvatore D’Angelo, è stato quello di introdurre un prodotto compatibile che risolvesse il problema della protezione da Covid-19 e non danneggiasse l’ambiente. Intervistati sul prodotto, hanno dichiarato: “Durante la quarantena abbiamo unito le nostre forze per produrre qualcosa di nuovo. Il progetto per noi ha un valore sia ambientale che sociale. Vogliamo nel nostro piccolo proteggere la natura e produrre uno strumento necessario in questo periodo di emergenza, adatto a tutte le tasche».

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Come e’ nata la mascherina riciclabile

Salvatore D’Angelo è  l’amministratore della Dnt srl, azienda campana specializzata in tecnopolimeri, che si occupa dello stampaggio di materie plastiche e delle nuove tecnologie con processi cad-cam. Giuseppe D’Angelo, invece, è un ingegnere edile che ha disegnato la mascherina realizzata in Tpu (poliuretano termoplastico), materiale dotato di certificazione a uso medicale.

Esso, quindi è idoneo alla realizzazione di dispositivi che possono essere a contatto con la pelle e con le mucose umane. La mascherina da essi realizzata, si può disinfettare e riutilizzare dopo un lavaggio in lavatrice a 60 gradi. Inoltre, è disponibile in diversi colori in modo da soddisfare la necessita’ di mutevolezza, in un periodo tutt’altro che certo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te