Le 5 domande da fare alla tua banca
Noi di Fisher non lasciamo mai soli i nostri clienti. Se hai 350K, scopri di più su come operiamo in questa guida.
Scopri di più >>

Marketing dell’Italia: non ci sappiamo vendere!

Se c’è una cosa che come italiani non sappiamo fare è il marketing dell’Italia come nazione.

Abbiamo una capacità di vendersi come nazione, come collettività, come tesori d’arte e natura che tende a zero. Dobbiamo riconoscerlo e cambiare rotta…

Poi, presi singolarmente i territori e gli stessi italiani meritano un giudizio un po’ migliore!

Chi sa vendersi e chi no

In Gran Bretagna riescono a vendere ancora come grande attrazione il museo delle cere di Madame Tussaud.

Per carità carino e sempre rinnovato, ma allora come ci spieghiamo che la medesima struttura a Milano, ha miseramente chiuso?

Ignorata da centinaia di italiani di passaggio ogni giorno o settimana che magari avevano speso qualche decina di sterline per la visita londinese alle stesse medesime opere.

Nazione numero 1 al mondo come beni patrimonio dell’Unesco

Siamo la nazione numero uno al mondo come beni patrimonio dell’Unesco…

Ma il marketing dell’Italia anche qui è zero. Solo qualche iniziativa locale regge la concorrenza internazionale.

Eppure vogliamo parlare delle centinaia di castelli e castelletti bellamente ignorati persino dalla segnaletica ovvero non visitabili…?

Spesso si tratta di costruzioni ben più antiche e fascinose di decine di rivali sparsi per l’Europa.

Ma oltre che in Inghilterra anche in Francia e Germania sanno vendere molto meglio di noi il loro prodotto artistico e col ricavato lo mantengono ed autoalimentano senza gravare sui conti pubblici.

Marketing dell’Italia: non sappiamo vendere nemmeno i crudi numeri economici

In tanto masochismo italico bisogna riconoscere che non sappiamo vendere nemmeno i numeri freddi e concisi dell’economia.

In quest’ ultimo periodo ogni minimo dato calante è stato vissuto  in Italia come catastrofe imminente finendo poi, per una sorta di eco autoprodotta, per ricevere la stessa enfasi all’estero.

Viceversa quando risaliamo la china, come nel caso dei dati della produzione industriale, molto meglio in Italia che in Germania nelle ultime settimane, ecco che tutto tace.

Idem ieri: è uscito uno straordinario dato sulla bilancia commerciale, guarda caso extra UE, a 3.42B versus il precedente 2.16B eppure enfasi zero, molti media nemmeno ne hanno parlato.

Quasi che gli italiani debbano perennemente vivere circondati da cattive notizie.

Per forza poi l’effetto marketing dell’ Italia è zero, non sappiamo venderci nemmeno quando abbiamo numeri che si riportano vicino ai picchi massimi di periodo!

E tra l’altro in giornate in cui lo spread torna a essere tirato, quanto avrebbe fatto comodo un po’ di battage su un dato molto molto confortante?
Meditiamo italica gente, meditiamo…

Marketing dell’Italia: non ci sappiamo vendere! ultima modifica: 2019-04-25T07:17:22+02:00 da Gianluca Braguzzi

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.