Mangiare l’uva la sera fa male? La risposta è sì

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Mangiare l’uva la sera fa male? La risposta è sì. Ve lo sareste mai immaginato? Ma perché? Fa così male? Nemmeno un chicco? Questa frutta segna l’arrivo della stagione autunnale, così ad autunno non fate più questo errore. Mangiare l’uva la sera fa male? La risposta è sì, e arriva dagli esperti purtroppo.

Mangiare l’uva la sera fa male? La risposta è si

L’uva è composta per il 96% da carboidrati, per il 3% da proteine, per l’1% da grassi. Ricca di acqua, ha un buon contenuto di fibre e di sali minerali come il calcio, il fosforo, il potassio, il ferro, lo zinco, il sodio e il rame. L’uva è inoltre ricca di vitamine A, B, C ed E, contiene flavonoidi, importanti antiossidanti benefici per il rallentamento dell’invecchiamento cellulare e per contrastare l’azione nociva dei radicali liberi nell’organismo. Ma la sua composizione chimica ci interessa relativamente. Ma è proprio a causa di questi elementi che mangiare l’uva la sera fa male.

OFFERTA SPECIALE - POCHI PEZZI DISPONIBILI
Magia di Stelle Premium: dai un tocco di magia alla tua casa

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Perché non la sera?

Mangiare uva la sera fa male? L’uva è un frutto ricco di zuccheri per cui è consigliato consumarla lontano dai pasti. Questo perché, quando abbinata ad altri alimenti, può alzare troppo il carico glicemico del pasto consumato. È meglio quindi mangiare l’uva all’interno dello spuntino di metà mattinata o di metà pomeriggio, magari insieme a frutta secca come noci o mandorle.

Mangiare uva la sera fa male? La risposta è sì. L’alto contenuto di zuccheri dell’uva consumato di sera non avrebbe modo di trasformarsi in energia, dato il fatto di prepararsi per andare a dormire. Per cui andrebbe inevitabilmente a interferire con il carico glicemico creando problemi all’organismo. Su un punto devono poi fare particolare attenzione a mangiare uva la sera le donne in gravidanza. Lo zucchero può provocare eccitazione al feto, determinando iperattività notturna.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te