Mangiare la tiella alla barese è d’obbligo quando si va in Puglia

La Puglia è una regione ricchissima amata da tutti. Da tutti perché il suo territorio soddisfa gusti ed esigenze diverse. Innanzitutto dire che la Puglia è una regione bellissima è riduttivo, si potrebbero citare le spiagge, i trulli, le tradizioni e la gastronomia prelibata. Ma andiamo in ordine. Il tacco dello stivale italiano può essere suddiviso in varie aree territoriali. In prevalenza pianeggiante, è costituita da un’unica zona montuosa, ovvero il Gargano e i monti della Daunia. Il Tavoliere delle Puglie, rappresenta l’area pianeggiante che per estensione, è seconda alla Pianura Padana in Italia.

La Pianura Salentina comprende le suggestive mete turistiche di Santa Maria di Leuca, Otranto e Gallipoli. La parte collinare comprende le Murge e le terre salentine. La Murgia corrisponde ad un altopiano carsico incluso nella provincia di Bari e in quella di Barletta-Andria-Trani. Le Serre Salentine invece si trovano nella parte meridionale della provincia di Lecce. La Valle d’Itria è posizionata a cavallo tra le province di Taranto, Brindisi e Bari. Caratterizzata dalla presenza di alberi di ulivo e trulli, comprende anche Ostuni, la famosa città bianca. Ancora l’Arcoionico tarantino che segue la costa dell’intera provincia. Qui a pochi km da Otranto si trovano il golfo di Taranto e la bellissima Castro. Il Salento con le sue spiagge e il mare cristallino, è suddiviso in Serre Salentine e Tavoliere di Lecce. La Puglia comprende inoltre l’Arcipelago delle Tremiti, le Isole Cherardi, nei pressi di  Taranto e l’Isola di Sant’Andrea di fronte alla costa di Gallipoli. Una tra le grandi città della regione è Bari.

Bari

La città di Bari con 316.140 abitanti è la seconda città più grande del Sud Italia. Bari Vecchia racchiude la storia e le tradizioni baresi. Un susseguirsi di vicoletti dove è possibile respirare i profumi di un tempo. Qui le donne non hanno perso l’usanza di fare la pasta in casa. E’ possibile osservarle nei vicoli, riunite, durante la preparazione delle tipiche orecchiette di Bari. Sono tanti i piatti tipici di questa terra famosi e ricercati in tutto il mondo. Mangiare la tiella alla barese è d’obbligo quando si va in Puglia. Ricette come le orecchiette con le cime di rapa, identificano questo territorio e la sua cultura. Una cultura gastronomica basata sulle risorse locali. Oltre le famose orecchiette, c’è anche un altro primo piatto.

Mangiare la tiella alla barese è d’obbligo quando si va in Puglia

Tramandata dalle nonne questa ricetta, richiede l’uso di un tegame in terracotta, ovvero la tiella. Ecco gli ingredienti:

  • riso carnaroli 300g;
  • patate 500 g;
  • prezzemolo;
  • 3 pomodori ramati;
  • formaggio grattugiato;
  • pepe nero;
  • olio extravergine di oliva;
  • cipolle bianche;
  • pangrattato 30g.

Una volta unta la padella con l’olio, disporre sopra la cipolla e le patate tagliate sottili, con aglio, pomodorini e prezzemolo tritato. Disporre le cozze distanziate tra loro. In seguito distribuire il riso crudo e versare l’acqua di cottura delle cozze. Distribuire un altro strato di patate e pomodori e concludere spolverando pangrattato e formaggio. In forno a 200° per sessanta minuti e il piatto è pronto.

Lettura consigliata

Tutti i segreti per cucinare le lumache salentine in padella secondo la ricetta pugliese e gustare un piatto saporito in soli 30 minuti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te