Mancato versamento dei contributi per la Gestione Agricoltura

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

L’INPS sta procedendo all’invio di avvisi bonari per il mancato versamento dei contributi per la Gestione Agricoltura. A breve, migliaia di lavoratori agricoli autonomi e imprenditori troveranno l’informativa nello spazio dedicato. La missiva fa seguito ai pagamenti non effettuati a causa della crisi pandemica.

I coltivatori diretti, i coloni, i mezzadri e gli imprenditori agricoli professionali devono prendere visione del “Cassetto Previdenziale Autonomi in Agricoltura”. Invece per le aziende che assumono manodopera a tempo determinato e indeterminato, conviene consultare il “Cassetto Previdenziale Aziende Agricole”.

Che aspetti? Scopri il trading coi CFD con iBroker
con una demo gratuita con dati in tempo reale e perfettamente funzionante

Provala subito!

Cosa c’è scritto

L’INPS all’interno della lettera  indicheràin modo dettagliato  i dati relativi al residuo debito per i contributi previdenziali e assistenziali. Inoltre,  i lavoratori autonomi troveranno le somme aggiuntive, riferite ai periodi richiesti con l’emissione dell’anno 2019. I datori di lavoro agricolo troveranno nella lettera le emissioni del 3° e 4° trimestre dell’anno 2018 e del 1° e 2° trimestre dell’anno 2019.

Ormai non c’è più possibilità di rinviare i pagamenti. Infatti non è subentrata nessuna Legge in merito. In piena seconda ondata da coronavirus, lavoratori agricoli autonomi e imprenditori dovranno versare quanto dovuto. Per agevolare i pagamenti, l’Istituto di Previdenza allega anche il documento contenente i riferimenti per la compilazione del modello F24. Per chi non ha la possibilità di pagare tutto, l’INPS ha attivato la procedura per presentare l’istanza telematica di rateazione.

Chi ha già pagato, cosa deve fare

Vediamo cosa deve fare il contribuente che ha già pagato le somme indicate nell’avviso bonario. All’interno dell’area riservata c’è una sezione indicata dove allegare la copia del versamento.

Quando arriva l’avviso bonario

Il contribuente, quando ha la lettera tra le mani, può fare tre cose. La prima, pagare gli importi indicati mediante la modulistica allegata. Altrimenti, contestare l’avviso qualora si ritenga che gli addebiti sono infondati. Infine, chiedere la dilazione del pagamento. In questo ultimo caso non va effettuato il pagamento con il modulo allegato nell’avviso bonario. Tuttavia, trascorsi 30 giorni, l’INPS procede in caso di mancato versamento dei contributi per la Gestione Agricoltura all’iscrizione a ruolo.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te