Mai più polpo duro e gommoso che si spella solo a guardarlo ma 3 furbi trucchetti per averlo morbido e cotto alla perfezione

Uno degli alimenti provenienti dal mare più consumato, dal sapore inconfondibile, dalla grande versatilità, ma difficile da trovarne la giusta cottura, il polpo. Usato nella creazione di piatti come il polpo all’insalata, polipetti alla Luciana e in molte altre ricette, sembra un piatto semplice ma che in realtà non lo è affatto.

Cadere in errori di cottura è molto più comune di quanto si pensi. Cuocere questo mollusco alla perfezione, non è un gioco da ragazzi.  Al contrario per averlo morbido ma non molle, cotto ma non duro e con la pelle che non si stacchi, abbiamo bisogno di seguire dei piccoli trucchetti.

Mai più polpo duro e gommoso che si spella solo a guardarlo ma 3 furbi trucchetti per averlo morbido e cotto alla perfezione

I consigli sulla cottura di questo alimento non sono mai abbastanza infatti, sono questi gli infallibili segreti della nonna per cucinare il polpo in modo perfetto e farlo diventare morbido.

In più un polpo così gustoso e morbido non si era mai visto ricetta consigliatissima.

I trucchetti degli chef

Un errore che spesso commettiamo senza neppure rendercene conto è quello di immergerlo in acqua già calda. Il polpo va immerso in acqua fredda, così da evitare che i tentacoli si raggrinziscano e diventino duri.

Evitare di cuocerlo a temperature troppo elevate. Le temperature alte, infatti, lo rendono estremamente duro come accade con le cotture prolungate. L’acqua di cottura, per questo, non deve bollire ed arrivare a 100 gradi, ma deve mantenersi qualche grado al di sotto. È perfetta quando fuma ma non bolle. Anche le cotture eccessivamente prolungate sono acerrime nemiche di un polpo morbido.

Non commettere l’errore di salarlo prima, ma attenderne la cottura e solo successivamente salarlo, se necessario. Questo perché il polpo è già salato di suo e aggiungere altro sale significherebbe rischiare di renderlo eccessivamente salato.

Un altro errore è quello di spellarlo prima della cottura. La pelle è invece utile per ottenere una cottura uniforme e per mantenere i tentacoli in forma.

Consigli utilissimi

Un altro trucchetto che ci aiuterà a renderlo morbido, nel caso risultasse già duro prima della cottura, è tenerlo appeso per una notte intera, questo farà in modo che le carni si rilassino. L’ alternativa è congelarlo per una giornata in freezer e scongelarlo in maniera naturale. Il polpo è infatti costituito per buona parte da acqua e congelandolo le sue fibre si gonfieranno e romperanno, divenendo così più morbido.

Non bisogna dimenticare che ogni ricetta ha la sua dimensione. Per realizzare il polipo al sugo, meglio preferire quelli di grandi dimensioni. Per ricette come il polipo all’insalata meglio optare per quelli di piccole dimensioni.

Quindi mai più polpo duro e gommoso che si spella solo a guardarlo ma 3 furbi trucchetti per averlo morbido e cotto alla perfezione.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te