Mai più piante assetate con questo irrigatore automatico fai da te a costo zero

Quante volte ci capita di dimenticare di annaffiare le piante fino a quando non è troppo tardi? Una pianta d’appartamento con le foglie tristi e ingiallite ci fa venire i sensi di colpa, e certamente non sarà un elemento positivo per la nostra casa.

Ma spesso siamo talmente impegnati che ci dimentichiamo di bagnare le piante d’appartamento. Senza contare che alcune varietà richiedono di essere annaffiate tutti i giorni. Ma niente paura, esiste una soluzione pratica e soprattutto economica per risolvere questo problema: basta costruire un piccolo irrigatore domestico. Per farlo, possiamo utilizzare un oggetto che di solito buttiamo via, e servono soltanto 5 minuti, vediamo come.

Mai più piante assetate con questo irrigatore automatico fai da te a costo zero

Per costruire un irrigatore per le piante d’appartamento servono soltanto due oggetti: una bottiglia di plastica e un chiodo sottile. Il segreto consiste nel fare in modo che le nostre piantine ricevano acqua in maniera moderata ma costante, e per lungo tempo.

Vediamo quindi come costruire un irrigatore automatico con una bottiglia di plastica e un chiodo. Mai più piante assetate con questo irrigatore automatico fai da te a costo zero.

Basta fare dei piccoli buchi nel tappo della bottiglia

Per preparare l’irrigatore automatico bastano davvero cinque minuti. Procuriamoci una bottiglia di plastica. Scegliamone una da un litro o da mezzo litro a seconda delle dimensioni del vaso che vogliamo annaffiare. Poi utilizziamo un chiodo sottile per fare dei buchi nel tappo della bottiglia.
Possiamo fare i buchi o utilizzando un martello, oppure scaldando il chiodo su una fiamma per poi piantarlo nel tappo della bottiglia. In ogni caso occorre fare molta attenzione alle dita.

Una volta bucato il tappo, il nostro irrigatore è pronto. Riempiamolo d’acqua e conficchiamolo nel vaso con il tappo rivolto verso il basso. La nostra piantina riceverà un flusso d’acqua costante, e non avrà mai più sete. Basterà riempire la bottiglia regolarmente per avere delle piante sempre felici.

Attenzione agli errori da evitare

Creare un irrigatore per le nostre piantine è veramente semplicissimo. Attenzione però a non fare alcuni errori. Il primo è quello di fare troppi buchi nel tappo, o troppo grossi. Infatti non vogliamo che la bottiglia si svuoti troppo velocemente. Bastano pochi buchini per avere un irrigatore funzionante.

Attenzione anche che il terriccio all’interno del vaso non sia troppo compatto, altrimenti l’acqua non riuscirà a penetrare bene e a nutrire la nostra piantina.

Per il benessere delle nostre piante, attenzione anche a non commettere l’errore più comune che può uccidere le piante d’appartamento in autunno. Ecco quale.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te