Magie e credenze sull’aglio e sulla cipolla

Aglio e cipolla sono due ingredienti che generalmente non mancano nella nostra cucina. Sia uno che l’altro apportano ai cibi intensità e un aroma e un gusto diversi. L’aggiunta di uno dei due in una ricetta può davvero fare la differenza.  Dobbiamo sapere che cipolla e aglio in passato non avevano solo usi culinari. Infatti, nel corso dei secoli entrambi sono stati utilizzati per preparazioni medicamentose, elisir e rimedi.

Elementi della natura connessi alle divinità e ingredienti per pozioni considerate magiche.

Scopriamone qualcosa di più. Ecco magie e credenze sull’aglio e sulla cipolla.

La cipolla e il pianeta Marte

Anticamente la cipolla era ricondotta al pianeta Marte e quindi al fuoco. Il bulbo della cipolla possedeva apparentemente poteri curativi, insieme alla garanzia di protezione. Si riteneva che la cipolla potesse allontanare esseri malefici, come le streghe e spiriti. Più indietro, gli egizi invece ne facevano un potente elisir per risvegliare il desiderio sessuale.

In India, ancora oggi, la cipolla è considerata un cibo impuro e quindi non viene consumata dagli yogi. Questa credenza si ricollega a quella secondo cui sognare una cipolla non porterebbe molta fortuna a chi gode di buona salute. Viceversa se una persona che sta male sognasse una cipolla significherebbe pronta guarigione.

Per secoli, grazie alla capacità di tenere lontani gli spiriti maligni e la sfortuna, la cipolla veniva piantata dinanzi alle case. La formula era una cipolla gialla con inseriti 17 chiodi neri e appesa alla porta.

Un’altra convinzione riguarda la buccia della cipolla. Se gettata nella spazzatura procurerebbe miseria. Quindi meglio dargli alle fiamme.

E se avete un dubbio circa una scelta importante, vi basterà prendere due cipolle. A una attribuite una scelta, così all’altra e riponetele al buio. La prima cipolla a germogliare sarà la scelta giusta.

La verità sulla cipolla è che può davvero apportare dei grandi benefici: ricca di sali minerali, abbassa la pressione del sangue e la percentuale di glucosio. Passata sulle ferite svolge un’azione antisettica e stimola la circolazione periferica. Il succo può farti passare il prurito da puntura d’insetto.

L’aglio e il dio protettore dei morti Osiride

Continuiamo ad esplorare magie e credenze sull’aglio e la cipolla. L’aglio appartiene alla famiglia delle Gigliacee che vengono considerate piante dell’inferno. Gli egizi sono stati i primi a fare voto a questa pianta. Con essa adoravano il dio Osiride e la dea Bastet, dea dalla testa di gatto. Proprio i saggi si astenevano dal mangiarne, poiché lo consideravano un’offesa agli dei. Eppure nella credenza popolare successiva, l’aglio è usato come garanzia contro ogni fattura e maleficio. La credenza voleva che una testa di aglio, insieme a erbe come artemisia o iperico, nella notte di San Giovanni potesse difendere dal maligno.

L’aglio quindi ottiene la funzione di talismano e rappresenta le forze buone degli inferi.

Nell’Odissea, Omero racconta come Ulisse si salva da Circe grazie a un filtro preparato da un aglio dal fiore giallo.

Una tradizione della Repubblica Ceca usa l’aglio per preparare la tavola di Natale per portare fortuna. Mentre se ne mettete uno spicchio sotto il letto dormirete senza brutti sogni. Se lo portate in tasca allontanerete malattie e brutti incontri.

Anche per l’aglio ci sono delle verità che si sono trasferite alle credenze popolari. L’aglio come la cipolla possiede proprietà antisettiche, diuretiche, espettoranti, toniche e molto altro. Se mangiato dona vitamine A, B1 e B2 e C, Sali minerali e oligoelementi. Come la cipolla abbassa i livelli di colesterolo. Se avete problemi respiratori fatene un decotto.

Ora che conoscete tutte le magie e credenze sull’aglio e sulla cipolla… Non vi resta che provare!

Consigliati per te