L’ultima ottava del mese si chiuderà con un botto di eventi per il trend di Borsa

Tra una crepa e l’altra, anche a settembre i mercati hanno retto. Lo testimoniano i grafici che, grosso modo, sono ancora lì. Al riguardo, si rileva una spettacolare prova di forza del Ftse Mib Future che mette le basi per un ritorno sui livelli pre Lehman.

Tuttavia, in attesa di ottobre, occhio perché l’ultima ottava del mese si chiuderà con un botto di eventi per il trend di Borsa.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Appuntamenti di lunedì 27 settembre

Alle 10.00 arriverà anzitutto il saldo della bilancia commerciale italiana non-UE. A livello UE conosceremo l’indice M3 – massa monetaria (dato aggiornato ad agosto; atteso: 7,8%, precedente: 7,6%) e il livello dei prestiti a corporazioni non finanziarie.

Aste obbligazionarie, infine, alle 11.40 in Germania (scadenza a 12 mesi, precedente –0,662%), alle 15.00 in Francia (a 3, 6 e 12 mesi) e alle 17.30 negli States (3 e 6 mesi, poi 2 e 5 anni).

Market movers di martedì

In nottata si segnalano i dati di agosto sulle vendite al dettaglio in Australi, l’indice dei prezzi al consumo in Giappone e l’import/export di Hong Kong (dati di agosto).

In Europa si segnalano le aste in Italia (BOT a 6 mesi; tasso precedente –0,519%) e Regno Unito (scadenza a 30, tasso precedente 0,972%).

Più ricca l’agenda degli eventi USA. Dalle 14.30 in poi conosceremo i dati aggiornati sulla bilancia commerciale di beni, l’indice dei prezzi delle case, il rapporto sulla fiducia dei consumatori, asta di bond a 7 anni e le scorte settimanali di petrolio.

Uno sguardo agli eventi di metà ottava

Alle 8.00 arriveranno da Londra gli indici aggiornati (mensile e annuale) sui prezzi delle case; inoltre sapremo lo stato delle importazioni, delle esportazioni e delle vendite al dettaglio in Germania. Un’ora dopo sarà la svolta dei dati spagnoli: IPC mensile, IPP annuale, IAPC mensile (settembre) e annuale. Anche Roma diffonderà (alle 10.00) il dato IPP annuale e mensile, riferito ad agosto.

Alle 10.30 sarà protagonista di nuovo Londra con i dati sui mutui, crediti al consumo e la massa monetaria M4, mentre Lisbona aggiornerà i dati sulla fiducia (imprese e consumatori).

Infine alle 11.00 avremo una sfilza di dati UE: stato di salute delle imprese, fiducia e aspettative di inflazione dei consumatori, sentimento del settore de servizi ed industriale. Infine segnaliamo le aste di bond a Roma (a 5 e 10 anni; rendimenti precedenti pari a –0,01% e 0,67%) e Germania (a 10 anni, tasso precedente –0,38%).

L’ultima seduta del mese

La giornata di giovedì partirà con una raffica di dati asiatici già in nottata. Dal Giappone avremo i dati aggiornati sulla produzione industriale, le vendite al dettaglio e gli investimenti esteri in titoli azionari. La Cina diffonderà invece l’indice PMI composito, l’indice PMI non manifatturiero, l’indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero (sempre settembre).

In Europa si segnalano  gli indici inglesi relativi al prezzo delle case, gli investimenti delle aziende, le partite correnti e il PIL del 2° trimestre e annuale. La Germania invece aggiornerà i dati sulla disoccupazione, i prezzi all’importazione annuali e relativi a settembre.

Infine Roma e Parigi renderanno note le situazioni interne legate al carovita: IPC e IAPC annuale e mensile. Poi avremo l’indice IPP del mese di agosto e il livello delle spese dei consumatori ad agosto in Francia, e il tasso di disoccupazione in Italia.

Negli States attenzione alle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione, il PIL del 2° trimestre e alcuni interventi dei Membri del FOMC.

L’ultima ottava del mese si chiuderà con un botto di eventi per il trend di Borsa

Se i mercati azionari cinesi resteranno chiusi, dal Giappone avremo invece i dati aggiornati sulla produzione industriale, manifatturiera e non, delle piccole e medie imprese.

In Europa, invece, occhio all’indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero in Italia e Francia. A livello Eurozona, invece, conosceremo l’indice PMI manifatturiero, l’indice IPC e l’indice HICP (escluso alimentari ed energetici).

Approfondimento

Analisi multidays dei principali indici e mercati azionari mondiali.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te