L’ultima ancora per salvarsi dai troppi debiti

Per chi soffoca per i troppi debiti contratti nella vita, non tutto è perduto. La Legge sul sovraindebitamento è l’ultima ancora per salvarsi dai troppi debiti. Questa Legge è stata istituita nel 2012 a seguito della crisi bancaria del 2008. Fu un periodo nefasto per imprenditori e lavoratori che finirono sul lastrico.

La Legge sul sovraindebitamento

A questa legge possono aderire tutti coloro, sia cittadini che imprese non fallite, che non sono in grado di pagare i debiti contratti. Quando si è con l’acqua alla gola diventa difficile trovare la quadra per rispettare gli impegni assunti con i creditori. Rifacendosi a questa legge ci sono tre strade: liquidazione, piano del consumatore e composizione delle crisi. Inoltre, aderendo alla Legge sul sovraindebitamento ci sono dei vantaggi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Liquidazione dei debiti

È la strada più semplice da intraprendere. Si mette a disposizione il proprio patrimonio a coloro che avanzano soldi. Dopo la vendita, i creditori vengono indennizzati con questi introiti.

Piano del consumatore

La persona fisica schiacciata dai debiti fa una proposta per soddisfare i suoi creditori in base alle possibilità economiche. Coloro che avanzano i soldi possono solo fare dei rilievi al piano del consumatore ma non hanno voce in capitolo. A doversi esprimere è un giudice che si vede consegnare dall’Organismo di composizione della crisi la proposta formulata dall’indebitato. Una volta avuto l’ok, il debitore deve rispettare quanto scritto e soddisfare i propri creditori.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Accordo di composizione

La terza soluzione prevista è l’accordo di composizione. Possono scegliere questa procedura le persone fisiche ma anche imprenditori e liberi professionisti. A differenza del piano del consumatore i creditori hanno voce in capitolo in merito alle modalità presentate dal debitore. Quest’ultimo mette a disposizione il suo patrimonio e i suoi redditi tracciando un piano di rientro.  A decidere sarà comunque il giudice terzo dopo aver ascoltato il parere dei creditori.

Cosa ci attende in futuro

Con la situazione attuale che si sta vivendo in Italia, molti cercano una soluzione. Per chi non ce la fa più, l’ultima ancora per salvarsi dai troppi debiti potrebbe essere questa strada. C’è un precedente da leggere, quello di un uomo sommerso dai debiti ma il tribunale glieli cancella.

Consigliati per te