Lotteria degli scontrini in partenza da lunedì

Dopo tanti rinvii ed esitazioni, la lotteria degli scontrini sarà in partenza da lunedì primo febbraio. Da quella data, inizierà un periodo di prova di due mesi, ancora occorrenti affinché i commercianti siano in grado di adeguare i registratori di cassa al nuovo sistema. La data, dunque, ufficiale, del programma è quella del primo aprile, periodo a partire dal quale inizierà l’assegnazione dei premi. Ma vediamo, più nel dettaglio, in cosa consiste questa gara e cosa c’è in palio. Ebbene, in tutto, a concorso vi sono ben 43,8 milioni di euro, che andranno distribuiti tra: 2 premi annuali, 20 premi mensili e 30 settimanali. Senonchè, da una stima effettuata, potranno essere ben 1802 le persone che, potranno vincere, grazie a questa iniziativa statale.

Quali sono i premi ?

Vediamo, a questo punto, quali saranno i premi messi in gioco dalla lotteria degli scontrini, in partenza da lunedì. Anzitutto, abbiamo due premi annuali da 5 milioni di euro (per i compratori) e da 1 milione di euro (per i venditori). Poi, ci sono i premi mensili, che sono: 10 da 100.000 euro (per chi compra) e 10 da 20.000 euro (per chi vende). Infine, i 30 premi settimanali, ammontano a 15 quindici da 25.000 euro (per chi compra) e 15 da da 5.000 euro (per chi vende).

Come partecipare

Partecipare è molto semplice, in quanto è possibile fare acquisti nei negozi,  ogni minuto. Altri requisiti, sono: essere maggiorenni, residenti in Italia e procurarsi un codice lotteria, attraverso la registrazione dei propri dati sul sito ufficiale lotteriadegliscontrini.gov.it. Senonchè, detto codice, che è come uno strumento identificativo personale, che andrà esibito al momento dell’acquisto. Inoltre, ogni scontrino verrà associato al proprio codice di lotteria e per ogni euro di spesa, si otterrà un biglietto virtuale per partecipare all’estrazione finale. Poi, se l’importo speso è superiore a 1 euro, la cifra decimale superiore a 49 centesimi, produrrà un altro biglietto virtuale.

In totale, alla fine, ripotrà disporre di massimo mille biglietti virtuali per persona. Inoltre, è bene sapere che, in questa prima fase di prova, non varranno gli acquisti con carte di credito, online e quelli documentati attraverso fatture elettroniche. Poi, sempre nella prima fase, non concorreranno alla produzione di biglietti visuali quegli acquisti per i quali venga richiesta la tessera sanitaria o il codice fiscale, a fini della detrazione. Si pensi, ad esempio, a quelli fatti per spese mediche o similari.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te