L’olio di frittura si può usare più di una volta, ma solo in questi casi                                       

Sarà capitato sicuramente a molti di interrogarsi, a fine frittura, se non fosse forse il caso di conservare l’olio e usarlo una seconda volta. Soprattutto quando l’olio è abbastanza “pulito”, come spesso accade dopo aver fritto, ad esempio, le patate.

Molti sono convinti che riutilizzare l’olio della frittura faccia molto male alla salute. Questo perché l’olio, se surriscaldato, produce sostanze tossiche come l’acroleina.

Contrariamente a quanto si può pensare, però, l’olio della frittura si può usare più di una volta, ma solo in questi casi. Infatti, basta mettere in pratica piccoli accorgimenti per evitare la formazione di sostanze dannose per la salute.

L’olio di frittura si può usare più di una volta, ma solo in questi casi

Cominciamo col dire che, affinché l’olio possa essere utilizzato almeno una seconda volta, bisogna fare attenzione a non bruciarlo. Se l’olio dovesse raggiungere il punto di fumo allora incomincia a produrre acroleina, diventando, appunto, tossico. Il punto di fumo non è lo stesso per tutti i tipi di olio. Quello dell’olio extravergine di oliva è sicuramente il più alto (190° circa). L’olio di arachidi raggiunge invece il punto di fumo a 170°, quello di girasole a 160°. Una frittura “sana” è una frittura che non supera, quindi, il punto di fumo. Se poi l’idea è quella di riutilizzare l’olio anche una seconda volta, allora conviene che l’olio non superi i 160°.

Se abbiamo rispettato queste regole, allora possiamo riutilizzare l’olio. Un’ulteriore accortezza sta nel filtrare l’olio che si desidera riutilizzare. Per conservarlo basterà travasarlo in una bottiglia di vetro e tenerlo al buio.

Il consiglio

Il consiglio è di non riutilizzare lo stesso olio per più di due volte. Infine, dobbiamo tenere a mente cosa si è fritto con l’olio che scegliamo di riutilizzare. Se abbiamo fritto del pesce è chiaro che parte del sapore del pesce avrà intriso anche l’olio. Non è il caso di utilizzarlo se la prossima frittura è per una pizza ripiena, una polpetta vegetariana o peggio ancora un dolce!

Perciò l’olio di frittura si può usare più di una volta, ma solo in questi casi.

Approfondimento

Quali sono i trucchi ed i consigli utili per un fritto perfetto, buono e leggero

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te