L’olio del tonno non andrebbe mai buttato nello scarico per almeno due validissime ragioni e una delle due renderà felici i nostri animali domestici

Quando consumano tonno in scatola, molte persone ne scolano l’olio all’interno dello scarico della cucina. Questa pratica è sbagliata, per almeno due validissime ragioni. La prima delle due è una motivazione prettamente ambientale. L’olio contenuto all’interno delle scatolette di tonno, nonostante la piccola quantità, è pur sempre olio. Per questa ragione deve essere smaltito come qualsiasi altra tipologia di olio. Una corretta eliminazione di questo rifiuto prevede la raccolta e in seguito lo smaltimento in discarica o appositi raccoglitori di olio usato. Gettare qualsiasi tipo di olio all’interno dello scarico inquina drammaticamente l’ambiente e per questo motivo non bisogna mai farlo.

Ma c’è anche un’altra ragione per la quale l’olio del tonno non andrebbe mai buttato nello scarico, e rappresenta un ottimo modo per riciclarlo.

Come riciclare l’olio di tonno per rendere fare felici i nostri cani e gatti

Se la prima ragione per cui l’olio del tonno non andrebbe mai buttato nello scarico riguarda la salvaguardia dell’ambiente, la seconda è di natura molto diversa. Ed è un ottimo modo per riciclarlo. L’olio del tonno possiede il sapore, ma soprattutto l’aroma di questo alimento. E ciò lo rende molto appetitoso per i nostri animali domestici, come cani e gatti. Condire la razione giornaliera di crocchette con qualche goccia di questo olio, renderà i loro pasti più appetitosi e il pelo più lucido. Chiaramente non bisogna esagerare, perché trattandosi di olio, è un alimento calorico anche per i nostri amici a quattro zampe. Ma ne basta veramente mezzo cucchiaino per sprigionare il suo aroma. Peraltro molto spesso si tratta di olio di oliva, a volte anche extravergine, gettarlo via sarebbe veramente uno spreco.

Però attenzione, questo modo di riciclare l’olio di tonno non vale assolutamente per il tonno aromatizzato al peperoncino o qualsiasi altra spezia piccante. Il peperoncino, così come il pepe e simili, infatti, fanno molto male sia ai cani che ai gatti e non si possono utilizzare per condire le crocchette. Il miglior modo di riutilizzare questo tipo di olio di oliva piccante è quello di condirci un sugo a base di tonno o dei bruschettoni al tonno e pomodoro, ad esempio.

Per una altro articolo su come riciclare in modo intelligente un olio, cliccare qui.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te