Lo sviluppo del Bitcoin. Come funziona la moneta virtuale?

Questo articolo parla del Bitcoin, la moneta virtuale. Per comprendere come il Bitcoin ha fatto la sua comparsa, dobbiamo prima esaminare attentamente il nostro sistema monetario attuale. Nella fase successiva, ci occuperemo della tecnologia che gestisce il Bitcon. Dopo averlo compreso, parleremo del Bitcoin-Trading e della situazione attuale.

a cura della redazione di http://www.traders-mag.it/

Cos’è il denaro?

Con il termine denaro si intende qualsiasi scambio di contante riconosciuto. Questo, nella costituzione monetaria di un Paese è la moneta legale, definita valuta. Nella Repubblica Federale Tedesca, questo era il Marco Tedesco mentre ora è l’Euro.

C’è una distinzione fondamentale tra due forme di denaro:

  1. Contante (banconote e monete);
  2. Cartamoneta o depositi di denaro (richieste di pagamento da un’istituzione finanziaria non bancaria a una banca).

Inoltre, è importante sapere che il denaro deve soddisfare contemporaneamente tre funzioni:

  1. È un’unità e serve pertanto come misura del valore (parola chiave: potere d’acquisto).
  2. Serve come riserva al potere d’acquisto (parola chiave: risparmio).
  3. Ha la funzione di mezzo di pagamento (parola chiave: acquisto).

Creazione della moneta

La moneta è creata nel nostro sistema bancario a due livelli tramite le banche centrali e le banche commerciali. In una prima fase, la banca centrale emette la cosiddetta moneta-base, prestando alle banche commerciali denaro o valori patrimoniali come l’acquisto di titoli (politica di mercato aperto). In cambio, la banca centrale accredita i conti della banca commerciale. Nel nostro sistema di riserva minima, le banche commerciali producono poi ulteriore denaro scritturale basato su questi bilanci della moneta-base. Ogni espansione del denaro da parte delle banche commerciali viene impedita, per ogni Euro dei depositi dei loro clienti, per mantenere una certa percentuale nella Banca Centrale sotto forma di riserva. Questo cosiddetto rapporto minimo di riserva per la BCE è attualmente dell’uno per cento.  In questo modo, nell’intero sistema bancario il denaro scritturale può essere generato in una quantità al massimo 100 volte superiore rispetto alla moneta base.

Moneta Fiat

La nostra moneta è scoperta (moneta Fiat) ed è infine assicurata solo dal potere del governo. Ciò nonostante vi sono anche il capitale del Paese e le entrate fiscali, ma alla fine anche queste sono “controllate” dal governo. L’Euro sta diventando denaro reale con tutte le funzioni corrispondenti (unità aritmetica, una riserva di valore, metodi di pagamento) solo attraverso l’accettazione generale dei vari partner commerciali. Resta il fatto che: senza la protezione da parte dello Stato e la garanzia della banca centrale e senza l’accettazione dei nostri partner commerciali, le banconote in Euro non sarebbero altro che carta stampata. La conclusione inversa potrebbe essere che l’Euro e qualsiasi altra valuta moneta Fiat come il Dollaro USA non potrebbero esistere senza credito. Con la nuova crisi finanziaria del 2007/2008, la fiducia dei cittadini nel sistema bancario e nella moneta Fiat sono state fortemente colpite. Questo era vero soprattutto, ma non solo, per l’Euro. Forse, vi ricorderete come una volta la cancelliera Merkel e il suo ministro delle finanze Steinbrück sono apparsi davanti alle telecamere per garantire i risparmi dei tedeschi. Senza questa garanzia del governo, in quel periodo c’era il pericolo che gran parte della popolazione decidesse di prelevare i propri soldi dai conti bancari, arrivando così alla cosiddetta “corsa agli sportelli”. Questo avrebbe portato ad un collasso del sistema bancario. Come abbiamo compreso inizialmente, le banche devono trattenere una riserva di solo l’uno per cento dei depositi dei suoi clienti come garanzia. Pertanto, il contante non sarebbe mai abbastanza in realtà per pagare una parte consistente dei depositi bancari.

Il Bitcoin in risposta alla crisi finanziaria

Come conseguenza alla crisi finanziaria, iniziò la ricerca di una moneta alternativa. Gli investitori crearono così – nascosti dietro allo pseudonimo “Satoshi Nakamoto” – la moneta virtuale Bitcoin. Lo scopo era di sfruttare le valute convenzionali, ma non i loro svantaggi. Pertanto, il Bitcoin fu ideato come un network decentralizzato (senza banca centrale). Allo stesso tempo, fu stabilito un tetto abbastanza intelligente sulla quantità di Bitcoin. Questo limite si ottiene quando il numero dei nuovi Bitcoin creati (“mined”) è dimezzato dopo aver raggiunto una certa quantità. Ed ecco come funziona: in una prima fase, in base a certi algoritmi, una somma di circa 10.5 milioni di Bitcoin potrebbe essere “mined”. Nel corso del tempo diventa sempre più difficile “minare” i Bitcoin (perché gli algoritmi per questo scopo diventano più costosi) e quindi la somma dei nuovi Bitcoin generati è ulteriormente ridotta. Tramite questo processo, vi è infine un massimo di 21 milioni di Bitcoin o come direbbero i matematici: l’importo massimo producibile dai Bitcoin converge a 21 milioni. Si è criticato in questo contesto che gli iniziatori del Bitcoin probabilmente tengono grandi quantità di bitcoin generati dal primo giorno e il prezzo potrebbe crollare se fossero messi nel mercato. L’autore crede che è improbabile che questo accada perché il venditore sarebbe distrutto da una tale “svendita”.

La gestione della valuta: Block Chain

Ora sappiamo come funziona la creazione della moneta con il Bitcoin. Sarebbe interessante se le transazioni potessero essere effettuate in quella valuta. Ma come funziona la gestione, che è ovviamente nel nostro sistema finanziario oggetto delle banche? Gli utenti potrebbero effettuare transazioni utilizzando i Bitcoin e ogni transazione verrebbe registrata. Se non fosse così, l’intero sistema sarebbe condannato. Senza un tale record della transazione, non si potrebbe determinare chi ha trasferito a chi una certa quantità di Bitcoin e chi possiede un certo numero di Bitcoin. Provate a pensare a questo nel mondo reale, come se si dovesse sempre scrivere il nome del proprietario attuale su ogni banconota (ma basato sul suo numero di conto e non dal suo nome reale, perché i Bitcoin sono normalmente anonimi). Si prende nota solo di quanti Bitcoin sono trasferiti e su quale “conto”. Le transazioni che avvengono in una certa finestra temporale vengono poi riunite in un unico blocco. Questi blocchi vengono documentati in un registro pubblico, che consiste in una lunga catena di blocchi chiamata Block-Chain. Potete facilmente vederla su www.blockchain.info. Se conoscete il “numero del conto” esatto, con la funzione di ricerca potete anche visualizzarne il bilancio attuale. Grazie a questo database chiamato Block Chain, vi è quindi sempre una prova di chi possiede quale Bitcoin. In linea di principio, sarebbe possibile per un hacker manipolare successivamente il Block Chain. Tuttavia, una tale manipolazione sarebbe difficile sia da un punto di vista tecnico sia dal “rapporto prezzo/prestazioni”. Ogni blocco, appena è terminato (quando il numero massimo delle transazioni in un dato periodo vengono raggiunte), viene convertito in una serie arbitraria di lettere e numeri. Questa serie è chiamata hash. Questo hash viene conservato insieme al blocco nella Block Chain. Siccome nessuno conosce la formula specifica per convertire i dati della transazione in un hash, è praticamente impossibile per gli hacker manipolarla. Inoltre, l’hash del blocco precedente scorre anche nel calcolo dell’hash corrente. L’hash è quindi praticamente un sigillo di garanzia. Il Bitcoin-Mining non è altro che la sigillatura di un blocco e la generazione di un hash. E colui che crea per primo un tale sigillo, ottiene dei Bitcoin come ricompensa. Questo incentivo viene assolutamente giustificato dall’alto costo dell’energia elettrica per il mining.

Il valore del Bitcoin

Nessuno Stato o governo federale, ma la collaudata Block Chain non ancora attaccata dagli hacker, promuove e tutela la fiducia nel Bitcoin. Il valore attuale del Bitcoin è il risultato dell’accettazione e della fiducia dei suoi utenti. C’è sempre un tasso di mercato attuale per il Bitcoin rispetto alle altre valute. Il Bitcoin è la valuta più convertibile al mondo. La figura 1 mostra lo sviluppo del prezzo del Bitcoin. Inizialmente, l’accettazione e la fiducia nel Bitcoin erano molto basse. Nel 2009 si doveva – in una delle prime transazioni – pagare anche 10.000 Bitcoin per una pizza. Oggi, l’accettazione e la fiducia sono significativamente più elevate, quindi 10.000 Bitcoin attualmente valgono a circa quattro milioni di dollari. Fintanto che l’accettazione e la fiducia nel Bitcoin aumentano, anche il valore della moneta bit aumenterà. Più utenti da una quantità limitata a 21 milioni di pezzi, significa un aumento della domanda per un prodotto limitato. Quindi, non è completamente sbagliato quando il Bitcoin (invece del denaro) viene chiamato l’oro virtuale. Pertanto, i Bitcoin sono “mined” (cioè “estratti” e paragonati alle miniere d’oro) e non creati.

Lotta contro il Bitcoin

Siccome l’accettazione, la fiducia e il valore del Bitcoin erano inizialmente molto bassi, i banchieri e i politici centrali permisero il loro emergere. Non presero seriamente questa nuova valuta virtuale. Inoltre, un divieto a causa della struttura decentralizzata del network del Bitcoin sarebbe stato difficile. Ora, questo è cambiato. Dopotutto, la capitalizzazione di mercato del Bitcoin già ammonta a circa sei miliardi di dollari. Esistono già, per esempio, in Russia dei tentativi per vietare il Bitcoin. La BCE ha denigrato il Bitcoin paragonandolo ad uno schema a piramide e alcuni politici attaccano il Bitcoin a causa del suo anonimato che potrebbe essere favorito dalla criminalità e dal terrorismo. In questo modo, vorrebbero almeno provare a regolare e controllare la valuta virtuale se non riescono a fermarla o sconfiggerla.

Le banche vogliono adattare la Block Chain

Le banche essendo intermediarie, vedono il Bitcoin come minaccia al loro modello di business. Pertanto, vorrebbero adattare la Block Chain, dal momento che questo concetto è stato provato negli ultimi anni. Quindi, in futuro vorrebbero anche gestire transazioni nelle valute conosciute dallo Stato tramite una Block Chain e quindi ridurre i costi. Ma se le valute “normali” sono gestite tramite un tipo di Block Chain, l’utente non avrebbe i benefici di una moneta virtuale ma avrebbe gli svantaggi del Sistema Monetario Fiat.

Bitcoin Trading

Siccome il Bitcoin è la valuta convertibile più libera al mondo, è molto adatta ai trader. Tuttavia, il prezzo azionario è altamente volatile a causa di una profondità di mercato relativamente bassa e quindi solo i trader più esperti dovrebbero osare a trattare con la valuta virtuale. Questo soprattutto perché in Germania diversi broker CFD come FXCM, IG o Plus500 offrono trading con il Bitcoin. Data la già elevata volatilità, si dovrebbe rimanere più conservatori nell’uso dei CFD nel Bitcoin-Trading e non utilizzare un leverage troppo elevato. Se qualcuno vuole tradare direttamente i Bitcoin, può utilizzare la piattaforma www.Bitcoin.de e la Fidor-Bank. La Banca sta cooperando per quanto riguarda il Bitcoin-Trading sia con www.Bitcoin.de che con US-Bitcoin-Exchange www.Kraken.com. Tuttavia, il trade è anche possibile sui mercati azionari esteri come Bitcoin www.BTC-e.com, Bitstamp, Coinbase, www.Kraken.com o www.Poliniex.com. Fate attenzione nel scegliere il vostro Mercato-Bitcoin perché dopo MtGox, il Mercato-Bitcoin può anche slittare.

Cryptsy in bancarotta

Considerando che generalmente nel Bitcoin-Trading non si incorre in costi di transazione, gli spread sono leggermente più elevati rispetto alle valute consolidate, ma sono tenuti al livelli gestibili. Minore è il Mercato Bitcoin, maggiore è di solito lo spread. Una volta è accaduto che il più grande Mercato-Bitcoin al mondo, MtGox, slittò nel fallimento, quindi sappiamo che la grandezza non protegge contro il fallimento.

Conclusioni

Il Bitcoin è e rimane speculativo. Non si dovrebbe costruire il proprio futuro pensionistico su di esso. Il più speculativo è quindi il Bitcoin trading. Dovete essere assolutamente consapevoli di questo.

blank

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te