Lo strano fenomeno dei nei blu e che cosa significano per la nostra salute

Tutti sappiamo che i nei sono qualcosa a cui è sempre bene prestare attenzione. In alcuni rari casi, infatti, un neo potrebbe trasformarsi in un tumore della pelle. Per questo, è sempre bene controllare e tenere d’occhio i nei sulla nostra pelle.

A molti sarà capitato di notare sul proprio corpo un neo dal colore particolare. Oltre ai normali nei marroni, a volte appaiono sulla nostra pelle dei nei blu.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Si tratta di un fenomeno molto diffuso, ma qual è la spiegazione? C’è da preoccuparsi?

Analizziamo lo strano fenomeno dei nei blu e che cosa significano per la nostra salute.

Più comuni nelle donne che negli uomini

I nei blu, anche chiamati nevi, hanno questo colore perché il neo si trova più in profondità nell’epidermide rispetto a un neo normale. Si tratta insomma di ‘nei sottopelle’. Di solito i nei blu sono isolati, non molto grandi, e di forma regolare. Potrebbero causare dei lievi rialzamenti della pelle soprastante. I nei blu possono comparire sia nei bambini che negli adulti. Per ragioni che non sono ancora ben comprese, i nei blu sono più comuni nelle donne che negli uomini. I nei blu, a differenza degli altri, non hanno quasi mai peli scuri all’interno (ecco come fare per rimuovere in sicurezza i peli dei nei).

I nei blu possono apparire su tutte le parti del corpo, ma in particolare su mani, piedi, collo, schiena e natiche. Ma possono essere pericolosi? Vediamo lo strano fenomeno dei nei blu e che cosa significano per la nostra salute.

Quando preoccuparsi

I nei blu non sono pericolosi di per sé. Si tratta di nei simili a quelli normali, solo più in profondità nella pelle. È tuttavia bene effettuare un controllo in alcuni casi. Un neo blu deve essere controllato da un medico se:

a) cambia colore

b) si ingrandisce in un breve periodo

c) sviluppa una forma asimmetrica

d) è ruvido o irregolare al tatto.

In caso di dubbi è sempre meglio consultare un medico.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Consigliati per te