Lo sbaglio che molti fanno con WhatsApp e che porta un pericolo insidioso

Le semplici funzionalità di WhatsApp ne fanno uno strumento di comunicazione eccezionale. Ma è proprio questa sua immediatezza che può creare grandi svantaggi. In questo articolo vogliamo mettere in evidenza lo sbaglio che molti fanno con WhatsApp e che porta un pericolo insidioso.

Molti adulti dedicano allo smartphone fino a 4 ore al giorno

WhatsApp è uno strumento di comunicazione molto utile. Ed è proprio questa semplicità d’uso e immediatezza che rende l’applicazione potenzialmente dannosa sotto un aspetto, quello del tempo. L’utilizzo costante è lo sbaglio che molti fanno con WhatsApp e che porta un pericolo insidioso, quello della scarsa produttività.

L’allarme arriva da Dan Nixon economista della Bank of England. Secondo Nixon il continuo arrivo dei messaggi, abbassa la soglia dell’attenzione e della concentrazione per ogni mansione. Questo porta ad un crollo della produttività.

Michael Winnick, fondatore di dScout, ha calcolato quanto tempo le persone dedicano al proprio smartphone. A seconda dei soggetti, mediamente tra 2 ore e mezzo a quasi 4 ore al giorno.  L’11% di questo tempo è assorbito dalla lettura e dalla risposta dei messaggi.

WhatsApp abbassa la produttività nel lavoro e nello studio

Può sembrare una inezia, ma leggere un messaggino WhatsApp e poi rispondere, porta via minuti preziosi che sommati, alla fine della giornata sono moltissimi.  Creando un calo della produttività e uno spreco enorme di tempo.

Facciamo due calcoli. Supponiamo di controllare e rispondere a 5 messaggi WhatsApp all’ora, e supponiamo che il tempo impiegato sia 1 minuto. Ne deriva che si perdono 5 minuti l’ora, che su otto ore di lavoro sono 40 minuti. Senza contare la perdita di concentrazione che crea la distrazione, oltre alla fatica del cervello per tornare a concentrarsi sull’attività momentaneamente abbandonata.

La soluzione

Quindi come fare per risparmiare tempo, mantenere alta la produttività senza rinunciare per tutto il giorno a controllare WhatsApp? Gli esperti di time management consigliano questa semplice soluzione.

Quando si lavora, occorre evitare di tenere lo smartphone sulla scrivania. Meglio ancora se non è a portata di mano. Si può metterlo nel cassetto, nella giacca o nella borsa.  Non avendolo a portata di mano e non vendendolo, non si vedranno i messaggi arrivare e non saremo distratti.

Si può decidere di fare pausa 5 minuti ogni ora di lavoro, magari ogni ora e mezzo. In quei 5 minuti si può controllare lo smartphone, leggere e rispondere ai messaggi. Per poi riporlo e tornare a lavorare.

Naturalmente è consigliabile un piccolo trucco. Eliminare l’avviso acustico della notifica dei messaggi. Senza, sarà impossibile non controllare chi scrive ogni volta che arriva il beep dallo smartphone.

Approfondimento

Due Trucchi di WhatsApp per il web che quasi nessuno conosce

Consigliati per te