Lo buttiamo sempre ma è un errore perché questo ingrediente è ricco di benefici

L’anguria può essere di certo decretata il frutto dell’estate per eccellenza. Succosa, dolce e fresca, accompagna da sempre i nostri pasti estivi o i nostri spuntini in riva al mare. La cucina siciliana, ad esempio, ha tra le sue perle proprio un dolce a base di anguria, il così detto “gelo di mellone”.

A fette, a cubetti, in granita o in succo, difficilmente si può rinunciare all’anguria. Il suo odore dolce è a dir poco inebriante. Tutto quello che abbiamo appena detto, però, riguarda la sua polpa, ossia proprio l’interno del frutto. Ma se dicessimo che il 95% dei valori nutrizionali dell’anguria non è contenuta nella polpa, ma nella buccia?

Lo buttiamo sempre ma è un errore perché questo ingrediente è ricco di benefici

Prepariamoci a salutare l’estate e l’anguria nel modo più creativo e benefico possibile, vediamo come e perché. Ebbene sì, la tanto scartata buccia del cocomero è un ingrediente eccezionale che viene, però, sempre scartato via. Tra le sue numerose proprietà, ad esempio, troviamo dei componenti eccezionali per il nostro organismo. La buccia dell’anguria, infatti, è un’eccezionale risorsa di vitamine A, B2 e C, ma non solo. Contiene anche ottime quantità di zinco, potassio, magnesio e sali minerali.

A livello intestinale, la buccia dell’anguria favorisce la motilità, poiché é ricca di fibre. Un’altra eccezionale capacità della buccia dell’anguria? Ha proprietà diuretiche. Ricca d’acqua, favorisce la diuresi ed è ottima, quindi, per aiutare gli inestetismi della pelle come cellulite e ritensione idrica.

Non è finita qui. Lo buttiamo sempre ma è un errore perché questo ingrediente è ricco di benefici, la buccia dell’anguria è fonte di citrullina. Questa simpatica parola è, in realtà, il nome di un amminoacido che i nostri muscoli utilizzano per riprendersi dopo un’intensa attività fisica.

Come consumare le bucce di anguria nei nostri pasti? Le bucce sono di semplicissimo utilizzo. Basta metterle sottaceto e si potranno mangiare così come sono o impiegarle per insalate e confetture.

Sicuramente, conservare e consumare le bucce d’anguria, non solo sarà un ottimo metodo per farsi del bene, ma ci aiuterà anche ad avere un impatto ambientale minore. E ci consentirà davvero di godere del frutto dell’estate esattamente fino all’ultima fetta.

Approfondimento

Ultima anguria senza sorprese con questi trucchetti quando la scegliamo.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te