L’istruzione è fondamentale per costruire una società più resiliente

L’istruzione è fondamentale per costruire una società più resiliente. La crisi di Covid-19 ha messo a nudo le numerose inadeguatezze e disuguaglianze nei sistemi educativi di tutto il mondo. I governi inizieranno presto a ricostruire appieno le loro economie. Ed a fornire nuovi mezzi di sussistenza alle persone. Ma è fondamentale che la spesa pubblica a lungo termine per l’istruzione rimanga una priorità. Questo per garantire che ogni giovane abbia le stesse opportunità. Opportunità di continuare l’istruzione, di avere successo a scuola e di sviluppare le competenze necessarie per contribuire alla società. E’ quanto sostiene l’OCSE nel suo ultimo rapporto sull’educazione.

Education at a Glance 2020 avverte di una cosa specifica. Che c’è incertezza sull’impatto complessivo della pandemia Covid-19 sulla spesa per l’istruzione. E lo stiamo vedendo anche da noi. Con la discussione infinita sulla riapertura delle scuole. E le polemiche connesse. Polemiche legate anche a come sono stati spesi i soldi per l’educazione finora. I governi possono trovarsi di fronte a decisioni difficili sull’assegnazione dei fondi pubblici. Ovviamente perché la crescita economica rallenta, i redditi fiscali diminuiscono, e i costi sanitari e sociali aumentano.

Il rafforzamento dei sistemi educativi deve essere al centro della pianificazione governativa per uscire da questa crisi. E dare ai giovani le capacità e le competenze di cui hanno bisogno per avere successo. È fondamentale che si faccia ogni sforzo. Ogni sforzo per assicurare che la crisi non aggravi le disuguaglianze nell’istruzione che si sono rivelate in molti Paesi. La crisi attuale ha messo alla prova la nostra capacità di affrontare le disuguaglianze su larga scala. Ora sta ai governi costruire come eredità una società più resistente.

L’istruzione è fondamentale per costruire una società più resiliente

La crisi ha colpito in modo particolarmente duro il settore della formazione professionale e dell’istruzione. Questa è una delle principali preoccupazioni. Poiché molte delle professioni che hanno costituito la spina dorsale della vita economica e sociale durante l’isolamento sono imperniate sulle qualifiche professionali.

In media, in tutti i Paesi dell’OCSE, oggi i giovani adulti sono penalizzati. Hanno meno probabilità di raggiungere un percorso professionale secondario superiore rispetto ai loro genitori. Ma hanno più probabilità di conseguire un diploma universitario. Anche i guadagni sono inferiori. Gli adulti con una qualifica professionale secondaria superiore hanno guadagni simili a quelli con una qualifica generale secondaria superiore. Ma guadagnano in media il 34% in meno rispetto agli adulti con istruzione superiore nei Paesi OCSE.

I governi dovrebbero intensificare gli sforzi. Sforzi per rendere la formazione professionale e le qualifiche professionali più attraenti per i giovani. Come farlo? Ciò dovrebbe includere il potenziamento dell’apprendimento basato sul lavoro. E il rafforzamento dei legami con il settore privato. Attualmente, solo un terzo degli studenti della scuola secondaria superiore partecipano in media a programmi scolastici e professionali.

Le altre cose da fare

Rendere più facile per gli studenti il passaggio dall’istruzione professionale all’istruzione superiore è anch’esso fondamentale. E può migliorare i risultati dell’apprendimento. Gli studenti hanno maggiori probabilità di completare la loro qualifica quando il programma fornisce l’accesso all’istruzione terziaria rispetto a quando non lo fa.

La crisi ha anche sollevato preoccupazioni riguardo al valore degli istituti di istruzione superiore. Con gli studenti riluttanti a impegnare grandi quantità di tempo e denaro quando gran parte del lavoro del corso è disponibile solo online. Ciò può influire sulla mobilità internazionale degli studenti. Questo perché gli studenti potrebbero mettere in dubbio il valore stesso del conseguimento di un diploma all’estero.

Qualsiasi diminuzione delle iscrizioni degli studenti internazionali per il prossimo anno accademico colpirà i servizi educativi di base offerti dalle università. Ma influirà anche indirettamente sul sostegno finanziario che forniscono agli studenti nazionali. Così come sulle attività di ricerca e sviluppo. La mobilità internazionale degli studenti è particolarmente elevata a livello di dottorato. Uno studente su cinque si reca in media all’estero per conseguirlo. Per rimanere rilevanti, le università dovranno reinventare gli ambienti di apprendimento. Dovranno farlo in modo che la digitalizzazione si espanda e integri, ma non sostituisca, le relazioni umane ad ogni livello.

Consigliati per te