L’investimento da valutare per il futuro è quello nelle società giovani in tutti i sensi

Quando si sceglie come investire il proprio denaro, spesso si pensa ai grossi gruppi quotati in Borsa. Ma il mondo cambia in fretta e l’investimento da valutare per il futuro è quello nelle società giovani in tutti i sensi.

Per società giovani qui non si intendono realtà economiche nate da poco e contrapposte per questo ai big del settore. Si intende fare riferimento ad un fenomeno diverso.

Chi sono oggi le personalità di maggiore successo?

Ormai in ambito economico ed in Borsa si è affermata la categoria dei millennials. Questa categoria esprime oggi il 3,8% mondiale dei miliardari. Quanti anni hanno? I millennials più vecchi, nati cioè alla fine del millennio scorso, compiono 40 anni nel 2021. I più giovani si affacciano adesso ai 25 anni. C’è quindi un’intera generazione di miliardari straordinariamente giovani. E questo non può non influenzare la gestione delle loro società.

Qualche nome giovane per capire di cosa si parla

L’investimento da valutare per il futuro è quello nelle società giovani in tutti i sensi. Vediamo alcuni esempi.

Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, è un millennial dato che conta adesso 37 anni. Se lui vanta un capitale di 97 miliardi di dollari, al secondo posto troviamo un cinese. Si tratta di Zhang Yiming, attivo nel settore tecnologico con un patrimonio da 35,6 miliardi di dollari. Cinese è anche colei che si avvia ad essere la donna più ricca del mondo. Si tratta di Kate Wang, fondatrice di Relx, società attiva nel settore manifatturiero.

Non guardare solo al settore tecnologico

I nomi che abbiamo citato per adesso sono di imprenditori che hanno investito nel settore tecnologico. Ma i millennials non si dedicano solo a quello. Per esempio Su Hua, 39 anni, è imprenditore del settore divertimento e comunicazione. Il russo Durov, invece, ha fatto miliardi con la moda.

Il consiglio finale

Suggeriamo di tenere d’occhio questi nomi per sfruttare al meglio la resa in Borsa delle loro aziende. Il fenomeno della mancata quotazione delle aziende, infatti, è una anomalia tutta italiana. All’estero gli imprenditori di successo hanno capito l’importanza di sfruttare le possibilità che la quotazione in Borsa offre. Così la loro energia giovane e la loro lungimiranza potranno diventare fonte di guadagno anche per i piccoli investitori nostrani. Ovviamente sempre dopo aver interpellato la propria banca per verificare la compatibilità dell’investimento con il proprio profilo di rischio.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te