L’incredibile trucco per far tornare nuova l’auto dopo un’ammaccatura facilmente e senza carrozziere

Un’ammaccatura sull’auto è un inconveniente all’ordine del giorno. L’intensivo uso dell’auto e l’incremento del traffico, aumentano il rischio danneggiare la carrozzeria con piccoli urti. Una strada può essere la riparazione in carrozzeria, ma questa potrebbe costare molto. Allora c’è un’altra soluzione, il fai da te.

In questo articolo sveleremo l’incredibile trucco per far tornare nuova l’auto dopo un’ammaccatura facilmente e senza carrozziere. È un’operazione semplice, che richiede solamente un paio d’oggetti di uso comune e che può essere fatta da tutti. Se è fatta in modo corretto, può eliminare l’ammaccatura e riportare la carrozzeria alla situazione originaria.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Cosa s’intende per ammaccatura

Le ammaccature sono delle piccole deformazioni della carrozzeria. In genere, si formano per piccoli urti. Quando si verifica, la parte in metallo che riveste l’auto forma una specie di rientranza nella carrozzeria, come un piccolo cratere bruttissimo da vedere. Le ammaccature in genere si verificano sugli sportelli, a seguito di urti laterali all’auto. Tuttavia, non è raro che possano anche verificarsi sul cofano anteriore.

Spesso, queste ammaccature danneggiano esclusivamente la carrozzeria senza intaccare la vernice. Per fortuna, le vernici moderne sono elastiche e quindi non necessariamente la verniciatura dell’auto si danneggia. In questo caso, per eliminare l’ammaccatura basterebbe riportare la lamina della carrozzeria nella posizione originale senza necessità di riverniciare la parte. Ma come si può fare?

L’incredibile trucco per far tornare nuova l’auto dopo un’ammaccatura facilmente e senza carrozziere

Per riparare le ammaccature, dobbiamo spingere la parte in metallo danneggiata dall’interno o tirarla dall’esterno. Poiché per spingerla dall’interno dobbiamo smontarla, allora occorre seguire la strada più semplice, quella di tirarla dall’esterno. La prima cosa da fare è versare dell’acqua bollente sull’ammaccatura. Questa operazione ha due scopi, quello di ammorbidire la lamina e quello di evitare che la vernice si spacchi nell’operazione di riparazione. Poi, utilizzeremo una ventosa. Questa ci servirà per tirare la parte danneggiata dall’esterno e farla tornare alla posizione originaria.

L’intera operazione si svolge così. Si riscalda dell’acqua in un bollitore o in un pentolino, fino a farla diventare bollente. Poi si versa l’acqua bollente sulla ammaccatura e immediatamente dopo si appoggia la ventosa sulla parte danneggiata e si tira con decisione. Se l’operazione funziona, la lamiera torna in posizione originale e l’ammaccatura è riparata, specialmente se è estesa e poco profonda.

Può capitare che si debba ripetere l’operazione in più punti fino ad ottenere l’effetto desiderato. In caso di piccole ammaccature si possono utilizzare piccole ventose, per esempio quelle che si utilizzano per i supporti degli smartphone. In commercio si possono acquistare anche delle ventose specifiche per questo tipo di lavoro. Oppure, in alternativa, si può provare anche con uno stura lavandini.

Approfondimento

Come avere una auto di lusso con poche centinaia di euro al mese senza nessun anticipo e nessun altro costo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te