L’incredibile seconda vita di uno dei monumenti più importanti d’Italia

Certamente ognuno di noi conosce il Colosseo, o Anfiteatro Flavio, simbolo del cuore antico di Roma. Costruito nel 70 dopo Cristo, è da sempre un punto di riferimento per qualsiasi appassionato di archeologia e di storia dell’antica Roma. È una delle tappe obbligate in una visita all’Urbe.

Nato per celebrare la gloria della dinastia Flavia, era molto più che un luogo dove si scontravano i gladiatori. O dove si concludevano nel sangue le persecuzioni contro i primi cristiani. Nel Colosseo, infatti, venivano spesso organizzate manifestazioni pubbliche, sportive, venatorie e addirittura navali, allagando completamente lo spazio interno.

Fino a oggi si credeva che questo tipo di ricchezza fosse solo un ricordo lontano, perduto per sempre. L’idea di restaurare o ricreare l’antico Colosseo sembrava troppo difficile e complessa. Un compito troppo difficile e pericoloso per essere svolto senza mettere a rischio le preziose rovine.

Ma nessuno poteva aspettarsi l’incredibile seconda vita di uno dei monumenti più importanti d’Italia. Chi di noi pensava di vederlo restituito alla sua antica gloria solo in qualche film (come dimenticare Il gladiatore con Russel Crowe?) dovrà ricredersi.

L’incredibile seconda vita di uno dei monumenti più importanti d’Italia

In un recente comunicato infatti il Ministero della cultura ha annunciato il progetto che ricostruirà l’arena interna del Colosseo.

La “nuova” struttura sarà ultra tecnologica ed ecosostenibile, con parti smontabili e mobili che manterranno inalterata l’ossatura originale.

L’idea è di permettere una migliore conservazione del monumento, limitando gli effetti negativi dell’umidità e delle altre intemperie. Ma questo progetto è anche un modo per cercare di ridare vita al Colosseo immaginando un futuro in cui si possa tornare a prevedere eventi culturali al suo interno.

La zona dell’arena in particolare ha molto in comune con alcune delle più comuni strutture del teatro, con aree sotterranee, doppifondi e palchi mobili. Questo lascia immaginare che nel 2022, realizzato il progetto, sarà pensabile l’idea di assistere a uno spettacolo teatrale sulla nuova arena.

Consigliati per te