L’inaspettata esplosione dei prezzi di questi titoli spinge Piazza Affari verso il record 

Ieri a Piazza Affari i prezzi di un titolo bancario sono schizzati in alto. A spingere il l’azione sono state delle indiscrezioni provenienti da un’agenzia di stampa riguardo le possibili mosse dell’istituto bancario. Il rialzo dell’azione ha trascinato i maggiori titoli del comparto bancario e spinto Piazza Affari che è stata la migliore in Europa. Grazie alla chiusura della prima seduta della settimana l’indice maggiore del nostro listino ha fatto un altro passo verso i massimi dell’anno. Vediamo perché e quali scenari potrebbero verificarsi oggi in Borsa.

L’inaspettata esplosione dei prezzi di questi titoli spinge Piazza Affari verso il record

Ieri a Piazza Affari ancora una volta i titoli bancari sono stati protagonisti. Uno in particolare ha messo a segno una performance importante. Il titolo Unicredit ha guadagnato il 5,1%. I prezzi sono stati spinti dalle indiscrezioni diffuse da un’agenzia di stampa. I maggiori azionisti della banca milanese sarebbero d’accordo con l’amministratore delegato Andrea Orcel per l’acquisizione di Monte dei Paschi di Siena. A questa indiscrezione se n’è aggiunta un’altra. Dopo l’acquisizione del Monte dei Paschi di Siena il piano industriale di Unicredit prevederebbe anche l’acquisizione di Banco BPM.

Queste due notizie hanno scatenato l’euforia sul titolo che ha raggiunto il massimo dell’anno. L’euforia si è allargata anche alle altre azioni bancarie del Ftse Mib. Così l’inaspettata esplosione dei prezzi di questi titoli spinge Piazza Affari verso il record. Infatti, grazie al comparto bancario ieri la nostra Borsa è risultata la migliore in Europa. Il Ftse Mib ha chiuso in rialzo dello 0,6% a 26.132 punti. Nell’articolo: Piazza Affari in odore di record, i nostri Analisti spiegano perché il rialzo della Borsa passa attraverso i titoli bancari.

Ma il titolo Unicredit è schizzato in alto anche per un altro motivo. La violazione del livello di 11 euro ha spinto a massicci acquisti. Adesso i prezzi hanno come prossimo target area 14 euro, massimo realizzato a febbraio 2020. L’attuale fase rialzista sarà in pericolo solamente se i prezzi ritorneranno sotto la soglia dei 10 euro.

Cosa può fare oggi il Ftse Mib

Ieri l’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) ha sfiorato i 26.200 punti. Se oggi i prezzi riusciranno a superare questo livello, potranno salire fino a 26.400/26.500 punti. Se l’indice Ftse Mib riuscisse a raggiungere questo obiettivo, nelle successive sedute si spingerebbe fino al massimo dell’anno, a 26.687 punti. Più volte però i prezzi nell’ultimo mese hanno raggiunto questa soglia e poi hanno invertito la direzione. Quindi occorre prudenza. Se i prezzi dovessero tornare sotto i 26.000 punti il record tornerà ad allontanarsi.

Approfondimento
Il punto sui mercati

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te