L’INAIL concede il rimborso sulle spese dei farmaci a questi lavoratori che ne fanno richiesta

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Le cure farmacologiche o mediche rappresentano talvolta una necessità conseguente ad episodi di infortunio sul lavoro o malattia professionale. In questi casi, l’INAIL concede il rimborso sulle spese dei farmaci a questi lavoratori che ne fanno richiesta. Nella presente guida gli Esperti di ProiezionidiBorsa mostreranno ai Lettori quali sono i benefici fondamentali dei quali possono avvantaggiarsi e come ottenerli.

Qual è la differenza tra infortunio lavorativo e malattia professionale

Attualmente, nel nostro Paese sono diverse le cause che inducono al verificarsi di infortuni sul posto di lavoro o malattie professionali. Questi due eventi, si caratterizzano per condizioni e caratteristiche differenti che è bene distinguere. Quando si parla di infortunio sul lavoro, si intende un incidente che causa una menomazione o una lesione al lavoratore. La sua principale caratteristica è che tale evento si realizza sul posto di lavoro o nel tragitto casa-lavoro. In quest’ultimo caso, si parla anche di infortunio in itinere. Immaginiamo, ad esempio, i casi in cui il lavoratore scivola sul pavimento fratturandosi un osso, oppure quando maneggia oggetti contundenti che possono procurargli una lesione.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Differente è, invece, il caso della malattia professionale. Quest’ultima non prevede solitamente un episodio violento e improvviso. Piuttosto la causa scatenante tende ad agire lentamente e in maniera graduale sulla salute del lavoratore. Si tratta parimenti di un evento dannoso che potrebbe compromettere lo stato di salute del lavoratore. Pensiamo, ad esempio, a malattie che causano una degenerazione del sistema muscoloscheletrico o il sistema nervoso. A tal riguardo, esiste una tabella completa delle malattie professionali tabellate e riconosciute dal Ministero del Lavoro consultabile qui. In questi casi l’INAIL concede il rimborso sulle spese dei farmaci a questi lavoratori che ne fanno richiesta e versano in particolari condizioni.

In quali casi l’INAIL concede il rimborso sulle spese dei farmaci a questi lavoratori che ne fanno richiesta

Le condizioni affinché l’INAIL assicuri tale rimborso prevedono come finalità il recupero dell’integrità psicofisica del soggetto e della sua capacità lavorativa. Il rimborso delle spese farmaceutiche si effettua nei periodi in cui si attesta la temporanea e assoluta inabilità temporanea del soggetto. Il rimborso copre la spesa di acquisto dei farmaci di fascia C che solitamente non ricevono copertura dal Servizio sanitario nazionale. Nel periodo di inabilità o nel caso dei postumi, l’INAIL assicura il pieno rimborso al lavoratore.

A tal proposito, è utile precisare che il rimborso avviene a seguito di richiesta che l’interessato può presentare in queste modalità: consegna diretta presso uno sportello INAIL, per mezzo PEC, posta ordinaria o patronato. Successivamente, il rimborso avviene direttamente in forma di accredito su conto corrente, carta o libretto. Oppure, è possibile richiederlo in forma di assegno circolare non trasferibile di importo non superiore ai mille euro. Ecco, dunque, in quali casi l’INAIL concede il rimborso sulle spese dei farmaci a questi lavoratori che ne fanno richiesta.

Approfondimento

L’INAIL paga le cure termali e climatiche e questi lavoratori

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te