L’importo minimo che esenta dal pagamento dell’Imu

L’importo minimo che esenta dal pagamento dell’Imu. Sono giorni frenetici nelle case degli italiani che devono fare i conti con il pagamento dell’Imu. Molti però non sanno che c’è un importo minimo che esenta dal pagamento dell’Imu. Nello schema di regolamento presente sul sito Ifel fondazione Anci si legge che l’imposta non è dovuta qualora sia uguale o inferiore a 12 euro. E’ bene chiarire che l’importo prima indicato si riferisce all’intero periodo di imposta e non alle singole rate di acconto e saldo. Quindi evitate di fare confusione. Inoltre i comuni potenzialmente possono elevare l’importo minimo rispetto ai 12 euro.

La novità di quest’anno

Con la Legge di bilancio 2020 è stata introdotta una nuova Imu. L’imposta incorpora la vecchia Tasi. Quindi nel compilare il modello F24 non sarà necessario dividere le imposte come lo scorso anno. Basterà mettere il vecchio codice dell’Imu ma pagare l’anticipo facendo la somma di Imu e Tasi e versare il 50% entro il 16 giugno. Il saldo sarà poi versato entro il 16 dicembre dell’anno corrente.

Ma non c’è rinvio dei termini di pagamento?

Alcuni comuni hanno previsto uno slittamento dei termini del pagamento dell’acconto dell’Imu a seguito delle note vicende dell’emergenza sanitaria per il coronavirus. E’ bene dunque verificare presso il Comune dove insiste l’immobile o il terreno se ci sono state disposizioni diverse. Il legislatore a livello nazionale non ha fatto nessuna sospensione o spostamento della scadenza del 16 giugno.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Esempio di importo minimo che esenta dal pagamento dell’Imu

Ma qual è l’importo minimo che esenta dal pagamento dell’Imu? Per agevolare la comprensione di come evitare di pagare l’Imu sotto un certo importo facciamo degli esempi. Il contribuente per un bene posseduto (a scanso di equivoci per la prima casa l’Imu non si paga) deve versare 22 euro all’anno. Vuol dire che tra acconto e saldo deve versare alla data del 16 giugno 11 euro e per il 16 dicembre sempre 11 euro. In questo caso deve pagare l’importo.

Non dovrà versare l’Imu se l’imposta è di 11 euro sull’intero periodo dell’anno. Sarebbe a dire 5 euro all’acconto e 6 euro al saldo. In questo caso vige l’esonero dal versamento.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.