L’euro ha sovrastato il dollaro e punta verso obiettivi molto ambiziosi in area 1,4

Dopo una settimana in cui l’euro ha sovrastato il dollaro e punta verso obiettivi molto ambiziosi in area 1,4, andiamo a individuare i livelli chiave da monitorare per evitare di rimanere incastrati nel caso in cui si assista a una veloce inversione di tendenza.

La battaglia tra euro e dollaro cui accennavamo nel report precedente (clicca qui per leggere) sta evolvendo a favore della moneta unica europea che ha utilizzata l’arma dell’indice di prezzi al consumo per rafforzarsi ulteriormente. In settimana, infatti, il CPI europeo, misurato a marzo, è balzato a 0,9% anno su anno dallo 0,2% precedente.

L’euro ha sovrastato il dollaro e punta verso obiettivi molto ambiziosi in area 1,4: Le indicazioni dell’analisi grafica

Il 16 aprile la chiusura del cambio  euro dollaro (FXEURUSD) è stata a 1,1983 in rialzo dello 0,12% rispetto alla seduta  precedente. La settimana, invece, si è conclusa con un rialzo dello 0,68%.

Time frame settimanale

Come si vede dal grafico, per la seconda settimana consecutiva l’euro ha chiuso in rialzo rispetto al dollaro. Se settimana scorsa la sfida per quella successiva era rompere la forte resistenza in area 1,1936, quella per la prossima è rompere area 1,1994, sempre in chiusura di settimana. Questo livello, infatti, rappresenta il primo ostacolo lungo il percorso rialzista che porta verso gli obiettivi successivi indicati in figura. In particolare, una chiusura settimanale superiore a 1,1994 aprirebbe le porte al raggiungimento del I obiettivo di prezzo in area 1,2456. La massima estensione di questo rialzo in corso si trova in area 1,3942.

euro dollaro

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

La sfida dell’euro per la chiusura di aprile sarà rompere la resistenza in area 1,2007. In questo caso si partirebbe al rialzo verso gli obiettivi indicati in figura.

Solo una chiusura mensile inferiore a 1,162 farebbe precipitare l’euro verso la parità.

euro dollaro

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te