L’economia europea e mondiale è in recessione. Di quanto sono crollati i Paesi colpiti da Covid?

L’economia europea e mondiale è in recessione. Ma di quanto sono crollati i Paesi colpiti da Covid?

Quasi tutte le principali economie del mondo a seguito del Covid-19 hanno subito un calo storico del loro PIL. Questo a causa della pandemia che ha ucciso almeno 851.321 persone in tutto il mondo. E continua a mietere vittime.

4 modi per accrescere il tuo patrimonio dopo i 50
Per chi ha un portafoglio di 350.000 €: ricevi questa guida e gli aggiornamenti periodici.

Scopri di più

In Europa, il Regno Unito sta vivendo la peggiore recessione del continente, con un calo del 20,4% nel secondo trimestre. L’unico miglioramento nell’oscurità, è arrivato dalla seconda economia mondiale, la Cina, che è riuscita a evitare la recessione contenendo l’epidemia.

Recessione nel mondo

L’Australia è da 30 anni che non entrava in recessione e ora il suo PIL è sceso del 7% nel secondo trimestre. Una contrazione forte anche per il fatto che, la sua economia non aveva subito contrazioni a causa della crisi del 2008.

Il Brasile, con oltre 121.000 morti di Covid 19, martedì ha registrato un crollo record del PIL del 9,7% tra aprile e giugno. Ora il PIL è “allo stesso livello della fine del 2009, nel cuore della crisi finanziaria internazionale”, nota l’Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica (IBGE).

La più grande economia mondiale, gli USA, è scesa del 9,5% nel secondo trimestre, secondo i dati diffusi dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE). Il Canada, venerdì ha lamentato un calo del PIL senza precedenti del 38,7%.

L’economia europea e mondiale è in recessione. Recessione in Europa

Di quanto sono crollati i Paesi colpiti da Covid in Europa? La zona euro nell’insieme ha visto il suo PIL contrarsi del 12,1% in primavera, ovvero “di gran lunga” il calo più significativo “dall’inizio della serie nel 1995 ” secondo Eurostat.

La più grande economia europea, la Germania, ha visto un calo deciso del 9,7% nel secondo trimestre, Ma il governo prevede ora una recessione del 5,8% del PIL.

L’Italia ha conosciuto una crescita debole già prima della crisi sanitari. La regione più ricca dello Stivale, la Lombardia, è stata per diverse settimane epicentro europeo della pandemia. Per questo, il Belpaese è entrato in recessione con un calo del PIL del 12,8% nel secondo trimestre.

Il PIL francese, invece, è precipitato del 13,8% in primavera, un record mai registrato dal Dopoguerra ad oggi.

Cosa fare quindi in questa situazione?  Sembra che non ci siano molte alternative, se non riprendere gradualmente gli investimenti e pianificare a grandi livelli la ripartenza. Ma, l’economia spesso è “mors tua, vita mea”.

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.