L’eccezionale motivo per cui tutti stanno dormendo con una matita sotto al cuscino

Partendo dal presupposto che è impossibile non sognare, si spiegheranno al Lettore alcuni meccanismi della nostra mente.

Durante la notte tutti facciamo dai cinque ai sette sogni. Tuttavia, spesso, a dieci minuti dal risveglio se ne ricorderà solamente il 10%.

Ci sono tre possibili scenari che si aprono di fronte a noi al risveglio. Alcuni sogni si ricordano alla perfezione, altri si dimenticano in parte e altri ancora vengono del tutto rimossi.

È difficile spiegare perché a volte ci si dimentica dei sogni e perché altre volte la nostra mente ne conservi solamente immagini confuse.

In questo processo ricopre un ruolo fondamentale il meccanismo di protezione messo in atto dal nostro cervello.

Se, da un lato, non può impedirci di sognare, dall’altra è in grado di far dimenticare queste esperienze oniriche al risveglio.

La mente, facendo leva sulla parte razionale, vuole mettersi al riparo dalle esperienze negative vissute.

Mente e corpo

Come si è scritto in precedenza il cervello non può impedirci di sognare. Oltre a ciò, non potrà rimuovere le tracce che questi sogni hanno lasciato sul nostro corpo.

Infatti, durante un brutto sogno ci sarà un’alterazione di battito cardiaco, respiro e pressione sanguigna. Chi soffre di ulcere o di bruxismo, infatti, noterà un peggioramento della sua condizione in seguito a molteplici brutti sogni.

L’eccezionale motivo per cui tutti stanno dormendo con una matita sotto al cuscino

Per fare mente locale, capire cosa è ricorrente e mettere insieme i pezzi sarebbe necessario annotarsi i sogni. Per questo si consiglia di tenere un diario, una matita, un registratore o uno smartphone accanto al letto per riuscire ad annotare tutto al risveglio. Una cosa è certa, ci vuole una certa rapidità per riuscire nel proprio intento. Ecco l’eccezionale motivo per cui tutti stanno dormendo con una matita sotto al cuscino.

La prima stesura del sogno potrà essere sintetica per riuscire ad annotare più dettagli possibile.

Senza tenere conto della forma sarà importante riportare ambente, personaggi ed episodi. Annotare anche, se possibile, le emozioni che hanno accompagnato il sogno.

Così facendo sarà facile capire quali sono le immagini che si ripresentano frequentemente durante la notte.

In seguito, sarà poi possibile dare una propria libera interpretazione al sogno. Solamente in questo modo sarà possibile capire quali segnali vuole inviarci il nostro inconscio.

In questo percorso, poi, potrebbe essere fondamentale farsi accompagnare da un terapeuta. Il professionista, infatti, sarà in grado di aiutare il paziente nella viaggio nell’inconscio.

Se si soffre di insonnia, invece, si consiglia di consultare questo articolo.

Consigliati per te