Le uova in purgatorio, una ricetta della tradizione ciociara

La cucina ciociara e napoletana hanno tantissime ricette in comune. Complice il fatto che in passato erano una grande macroregione (la Ciociaria), la loro cucina ha subìto molti cambiamenti durante i secoli e si è stabilizzata con determinate ricette che sono ormai intramontabili. Una ricetta che non stanca mai il palato e che raduna intere famiglie a tavola è quella delle uova in purgatorio, una ricetta della tradizione ciociara.

Vediamo insieme come realizzare al meglio le uova in purgatorio.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Ingredienti

a) Quattro uova;

b) 400 ml di passata di pomodoro;

c) Un cucchiaio di pomodoro concentrato;

d) Aglio;

e) Sale;

f) Prezzemolo;

g) Olio qb.

Come si preparano le uova in purgatorio, una ricetta della tradizione ciociara

Le uova in purgatorio sono semplicissime da fare e si otterrà un successone strepitoso con gli ospiti invitati a pranzo.

Per prima cosa, bisogna fare il soffritto di aglio e olio. Quando l’olio ha raggiunto il punto di fumo e l’aglio sta soffriggendo per bene, si aggiunge la passata di pomodoro e il pomodoro concentrato. Si fa cuocere per circa dieci, quindici minuti la passata di pomodoro, per eliminare l’acidità da essa.

Fatti quattro spazi vuoti nella passata di pomodoro, si apriranno le uova e si lasceranno a cuocere. Per evitare che l’albume diventi gommoso e poco appetibile, coprire con un coperchio e far cuocere le uova “stufandole” col vapore che si verrà a creare dentro la padella.

Rimescolare la salsa, stando attenti a posarne un po’ sopra i tuorli per permettere loro di cucinarsi molto leggermente. Se lo si desidera, si potrà tostare a parte del pane per accompagnarlo alle uova in purgatorio.

Le uova, dopo circa venti minuti di cottura, saranno pronte. Si impiatteranno con di fianco un buon contorno. Non bisogna limitarsi alla semplice insalata, ma anche a contorni più elaborati come zucchine trifolate o cipolle ripassate.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te