Le ripercussioni dei nuovi limiti e divieti sull’economia

Il Governo ha emesso il nuovo Dpcm. Il Codacons ha quantificato le ripercussioni dei nuovi limiti e divieti  sull’economia. L’impatto complessivo raggiungerà quota 6,8 miliardi di euro. Il settore dello sport registrerà la perdita più consistente. Infatti, gli italiani dovranno fare a meno di palestre e piscine. Di conseguenza la ricaduta sarà sui comparti wellness e fitness. Un vero dramma per gli operatori del settore: circa 25mila aziende subiranno un danno di 3 miliardi. Purtroppo, 20 milioni di italiani dovranno fare a meno dello sport.

In tutto questo, i pubblici esercizi registrano l’altra metà del danno, circa 2,7 miliardi di euro. 340mila attività sono costrette a sopportare mancati introiti  a causa dei nuovi limiti degli orari di chiusura.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Bar e ristoranti serrande a metà

Da non dimenticare bar e ristoranti a mezzo servizio. Le ricadute saranno anche per l’intero comparto agroalimentare italiano. Quest’ultimo vanta 70mila industrie alimentari e 740mila aziende agricole per circa 1 miliardo di euro.

La tragedia, non teatrale, si consuma anche in cinema e tetri. Il lockdown per un mese, farà segnare una perdita di 90 milioni di euro totali.

Una situazione altamente a rischio per la tenuta sociale

In effetti, il popolo inizia a mormorare. Gli episodi di protesta in varie città d’Italia da Nord a Sud sono un campanello d’allarme. Il comportamento adottato dal Governo non è andato giù. Per di più, le imprese dopo aver sborsato fior di quattrini per allinearsi alle norme anticontagio, ora si ritrovano con le attività chiuse. Come si usa dire: oltre al danno la beffa. La situazione peggiore è per la ristorazione. Federcuochi, infatti, è amareggiata per l’atteggiamento del Governo. Di conseguenza,  migliaia di posti di lavoro sono saltati dall’oggi al domani.

Quando arriveranno gli aiuti

In un contesto storico del genere diventa tutto più difficile. Il Governo ha detto di voler dare contributi a fondo perduto e compensazioni “una tantum” . Gli imprenditori hanno una grande paura perché il caso della cassa integrazione grida ancora vendetta. In effetti molti non l’hanno percepita.  Le ripercussioni dei nuovi limiti e divieti  sull’economia sono evidenti.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te