Le riforme finanziarie necessarie per il cambiamento climatico

Le riforme finanziarie necessarie per il cambiamento climatico. Il nostro sistema finanziario finanzia l’economia fossile. Continuerà a farlo finché non decidiamo di cambiare. Perché bisogna cambiare. Bisogna fare qualcosa al proposito. La sostenibilità ambientale è troppo importante. Lo dicono tutti. Già, ma che cosa? Quelle che seguono sono alcune scelte che possono essere fatte. Scelte pratiche che possono cambiare le cose. Cambiare davvero, prima che sia troppo tardi. Perché non abbiamo un pianeta B.

Prima di tutto, dobbiamo definire bene quali siano le attività sbagliate e quelle giuste. Abbiamo bisogno di una classificazione della sostenibilità. Una classificazione comune e obbligatoria. Una divisione che separi ciò che è sostenibile da ciò che non lo è. In questo modo indirizzeremo i flussi di capitale lontano da attività dannose. Poi, dobbiamo fare in modo che le aziende rendano noto il loro impatto ambientale. Le aziende devono essere obbligate a comunicare i loro impatti sociali e ambientali. Dovranno farlo attraverso un quadro non finanziario aziendale. Un quadro che sia obbligatorio, armonizzato e integrato. Inoltre, lasciamo che sia la gente a decidere. Decidere dove vanno a mettere i propri soldi. I cittadini sono clienti. Come tali, hanno il diritto di sapere. Devono sapere se i loro investimenti contribuiscono ad attività dannose. E, quindi, chiedere alle banche e ai fondi pensione di disinvestire, nel caso.

Come si evolverà il mercato nei prossimi mesi?
Per chi ha un portafoglio di 350.000 €: ricevi questa guida e gli aggiornamenti periodici.

Scopri di più

Ancora, le attività inquinanti vanno penalizzate. Le attività fossili e altre attività non sostenibili devono essere rese più care. Come ottenere questo? Attraverso standard qualitativi, quote penalizzanti e tasse. Poi, togliere il denaro dei contribuenti dall’economia fossile. I cittadini chiedono un’economia libera dai combustibili fossili. I governi devono smettere di sovvenzionare tali attività. Le banche devono dismettere completamente i loro investimenti in queste industrie. Queste sono solo alcune delle riforme finanziarie necessarie per il cambiamento climatico

Le riforme finanziarie necessarie per il cambiamento climatico

Bisogna anche abbattere il “rischio fossile”. Prepararsi per un futuro senza combustibili fossili. Come farlo? Il nostro sistema finanziario deve minimizzare la sua esposizione ai rischi finanziari. Rischi finanziari che, sempre di più, le attività inquinanti hanno. Da qui, la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. Inoltre, dovremo sbloccare le finanze pubbliche. Dovremmo indirizzarle verso un’azione a favore del clima. I governi devono aumentare la finanza pubblica orientata al finanziamento verde. Cioè finanziare progetti di transizione. Progetti che non sono finanziariamente abbastanza redditizi da attrarre investimenti privati.

E poi dobbiamo agire sui mercati. Assolutamente, ed in fretta. Molto velocemente. Dobbiamo arginare la visione a breve termine che ancora impera. Le autorità di regolamentazione devono impedire comportamenti sbagliati. Comportamenti a breve termine, speculativi e di propaganda. E riorientare l’economia verso altri obiettivi. Obiettivi più a lungo termine. Infine, bisogna diversificare il nostro sistema finanziario. Abbiamo bisogno di banche e investitori orientati diversamente. Più orientati al valore, più locali e più cooperativi. Banche e investitori che siano in linea con una più corretta visione climatica. Naturalmente al fine di massimizzare la capacità finanziaria per una transizione corretta.

Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.