Le ricette dei migliori 6 aperitivi analcolici  

Vediamo, oggi, con l’aiuto degli Esperti di Cucina di  ProiezionidiBorsa le ricette dei migliori 6 aperitivi analcolici, dal raspberry lemonade alla sangria analcolica.

Tutti i cocktail alcolici, al netto di qualche eccezione, hanno sempre una base che è liquorosa. Ma per chi, invece, vuole gustare un cocktail privo di alcol, ecco, come preannunciato, le ricette dei migliori 6 aperitivi analcolici. Questi, infatti, sono a base di frutta o di succhi. E sono anche facili da preparare. Il che significa che basta munirsi di un bicchiere per shaker per prepararli senza essere necessariamente dei barman. O comunque degli esperti di cocktail.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Dal raspberry lemonade al watermelon mojito

Raspberry lemonade. Il modo più semplice per preparare la limonata al lampone è quello di partire dalla base, e cioè dall’acqua gassata. Con aggiunta di limonata e succo di lampone. Ma per un cocktail ancora più sfizioso basta aggiungere alla base di acqua gassata del ghiaccio tritato insieme a lime e succo di lampone. Quindi guarnire il tutto con foglioline di menta.

Black cherry basil mocktail. Si tratta di un cocktail analcolico facile da preparare con acqua gassata, lime e succo di amarena. E anche facile da guarnire con foglie di basilico ed una fetta di limone.

Watermelon mojito. Questa è la versione analcolica, cioè priva di rum, del famoso cocktail di origine cubana. La base che è sempre costituita da acqua gassata a qui aggiungere lime e anguria pestata. E poi guarnire, anche in questo caso, con foglioline di menta.

Dal frozen peach bellini mocktail alla sangria analcolica

Frozen peach bellini mocktail. Si tratta della versione analcolica del famoso cocktail a base di prosecco. Privo di alcol ma comunque ottimo. In questo caso, alla base, costituita da succo di limone e da sidro di mele, aggiungere pesche e zucchero di canna.

Kiss on the beach. Cocktail analcolico tipicamente estivo composto da una base di limonata o di acqua gassata. Tratto caratteristico è l’aggiunta di un mix di tre succhi, e cioè arancia, pesca e ribes rosso.

Sangria analcolica. Senza la base di vino, la sangria analcolica è semplice da preparare. In questo caso  basta, infatti, partire dal succo d’uva a cui poi aggiungere un misto di frutta a volontà.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te