Le nuove sanzioni del Fisco sulla trasmissione dei corrispettivi telematici per i titolari di Partita IVA

L’approvazione della Legge di Bilancio apre la strada alle nuove sanzioni del Fisco sulla trasmissione dei corrispettivi telematici per i titolari di Partita IVA. Le differenti regole che interessano lo scontrino elettronico sono applicabili già a partire dal 1° gennaio 2021. Esse riguardano gli adempimenti sulle procedure di memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi per via telematica.

ProiezionidiBorsa TV

Cosa prevedono le nuove regole sulla regolarità delle trasmissioni telematiche dei corrispettivi

Si inaspriscono le sanzioni pecuniarie per i commercianti che non si attengono alle nuove regole che impone la Manovra economica al Paese. Nello specifico, quello che si intende punire riguarda i casi in cui si verifichino delle omissioni, errori o tardive memorizzazioni e trasmissione dei dati. In base a quanto raccomanda l’art. 1, commi 1109 e 1115, della Legge di Bilancio i provvedimenti scattano anche su aspetti concernenti l’installazione del registratore.

Le nuove sanzioni del Fisco sulla trasmissione dei corrispettivi telematici per i titolari di Partita IVA

A partire dal mese di gennaio 2021, le violazioni delle nuove regole sulla trasmissione dei corrispettivi andrà incontro a pesanti conseguenze. Nello specifico, si prevede una sanzione pari al 90% dell’imposta corrispondente nei seguenti casi: quando la violazione comporta una mancata o non tempestiva trasmissione dei corrispettivi; nei casi di incompleta o non veritiera trasmissione o memorizzazione:ì; oppure, quando si verifica un mancato o irregolare funzionamento del registratore telematico. Gli importi sono variabili in base alla gravità della violazione e alla sua entità. Un aspetto importante da sottolineare è che non si ammette il ravvedimento della sanzione già disposta quando questa è già stata compiuta. Una attenuazione della sanzione può avvenire quando questa non incide sulla liquidazione del tributo stesso. I titolari di Partita IVA dovranno quindi immediatamente adeguarsi per evitare delle pesanti ricadute sulle proprie tasche.

Approfondimento

Fino a 4.000 euro di multa per i titolari di Partita IVA che violano questa norma fiscale

Consigliati per te