Le magiche candeline galleggianti fatte con le ghiande per portare il bosco in casa

Con l’arrivo dell’autunno per molti aumenta la voglia di creare decorazioni con ciò che si può trovare nel bosco. Da ghirlande di foglie secche e centrotavola di rametti e castagne, l’ultima frontiera sono le candele galleggianti fatte con le ghiande. Prepararle è facilissimo e può essere un momento magico per tutta la famiglia.

Gli strumenti necessari

Preparare le magiche candeline galleggianti fatte con le ghiande per portare il bosco in casa è molto semplice. Per prima cosa bisogna fare una bella passeggiata tra gli alberi. Qui vanno raccolte almeno una decina di ghiande, ma più se ne prendono meglio è.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Dopodiché bisogna preparare della cera, degli stoppini (anche lo spago va bene), un piccolo pentolino, uno grande, un cucchiaino e un contenitore con dell’acqua. Questa è l’occasione giusta per utilizzare tutte le candele quasi finite che si hanno in casa o gli scarti di cera avanzati. Ora non resta che mettersi al lavoro per creare queste divertentissime candeline.

Le magiche candeline galleggianti fatte con le ghiande per portare il bosco in casa

Il primo passaggio è quello di togliere il cappello alle ghiande. Sono, infatti, solo questi ad essere la parte di ghianda da utilizzare per la realizzazione di queste candeline. Dopodiché bisogna scaldare la cera a bagnomaria. Nel frattempo preparare gli stoppini o i pezzi di spago. Questi vanno tagliati lunghi almeno il doppio della profondità dei cappelli delle ghiande.

Quando la cera è sciolta arriva la fase che richiede più attenzione. In questa fase sarebbe meglio farsi aiutare da qualcuno. Comunque, anche operando da soli, sarà possibile raggiungere il risultato desiderato.

Dunque, con una mano bisogna tenere dritto lo stoppino. Con l’altra, invece, bisogna versare, servendosi di un cucchiaino, la cera sciolta nel cappello della ghianda. La cera si raffredderà in fretta ma bisogna tenere il cappello ben dritto in modo da non versare nulla. Bisogna ripetere l’operazione finché le ghiande o la cera non sono esaurite.

L’ultimo step è quello più magico! Basta posizionare le candeline appena fatte dentro il contenitore con l’acqua e accenderle. Queste galleggeranno e riempiranno la casa di una luce magica.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te