Le azioni da tenere per mezzo secolo

La migliore strategia di investimento è quella di puntare sul lungo termine. Per quale motivo, allora, non comprare azioni da tenere per mezzo secolo?

Investire sulla qualità delle azioni

La qualità premia sempre. Anche quando si investe. Meglio puntare sulla forza e su basi salde. Quindi sul valore. Infatti, andando a guardare le statistiche, il mercato azionario sui lunghissimi periodi ha sempre registrato un trend di crescita. Inoltre, sempre l’azionario, ha superato tutte le peggiori prove a cui è stato sottoposto nel corso dell’ultimo secolo e oltre. Per questo, come detto, è sempre bene investire sulla qualità delle azioni. Magari riuscendo a comprarle sfruttando una vantaggiosa finestra di ingresso. Infatti ci sono, tra i vari titoli da comprare, azioni da tenere per mezzo secolo

Costruire un portafoglio sul lungo termine

Avere risultati e guadagni sugli investimenti richiede ricerca dettagliata, pazienza e attenzione. La verità è che si tratta di un compito che, di fatto, non è complicato. Costruire un portafoglio sul lungo termine implica una certa dedizione a sua volta dettata dalla passione. L’unico “difetto” se lo si vuole chiamare tale, è che per farlo al meglio servono tempo e soprattutto studio costante di più fattori. Non ultimo i megatrend.

Tanti vantaggi competitivi

Da qui, tra le azioni da tenere mezzo secolo, un suggerimento potrebbe essere quello di Waste Management (NYSE:WM), azienda specializzata nella raccolta e smaltimento dei rifiuti. Uno dei tanti vantaggi competitivi è rappresentato dalle barriere di ingresso che permettono una minima concorrenza. Infatti, oltre alle varie autorizzazioni per il trattamento dei rifiuti, servono contratti con le amministrazioni e regole chiare sulla procedura di smaltimento e sanificazione. Senza contare la manutenzione degli impianti e dei camion per la raccolta.

Le azioni da tenere per mezzo secolo

Ultima osservazione: la creazione di materie prime da riciclaggio. Vento contrario, invece, proprio quest’ultima voce. Infatti nello scorso anno si è registrato un calo del costo di queste ultime. I prezzi di mercato in contrazione, infatti, hanno portato ad un  in questo segmento per tutto il 2019. In compenso tutte le altre voci sono risultate in crescita. Tra queste le entrate complessive per l’anno fiscale 2019 (+3,6%). Da ricordare ancora una cosa: fino a quando il Pianeta sarà abitato da esseri umani, inevitabilmente questi produrranno rifiuti. Insomma, un primo approccio che permette di annoverare Waste Management nell’elenco delle azioni da tenere per mezzo secolo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te