Le azioni da comprare in caso di recupero lento secondo Raymond James

La ripresa dalla crisi da Covid-19 sarà lenta o veloce? Difficile dirlo ad ogni modo queste le azioni da comprare in caso di recupero lento secondo Raymond James

Ieri il Pil Usa ha dato un altro schiaffo alle speranze di una ripresa veloce. In serata, la Fed ha confermato anche che la strada che ci si trova davanti è ancora lunga e che, in alcuni tratti, potrebbe rivelarsi più difficile da percorrere del previsto. Per questo motivo la stessa banca centrale Usa ha deciso di mettere in campo tutte le sue armi confermando anche la politica estremamente accomodante finora adottata.

Le azioni da comprare a seconda degli scenari di ripresa

Per quanto riguarda gli analisti, la maggior parte delle loro previsioni sposa la tesi di una ripresa a U. In altre parole, dopo il crollo repentino a cui il mondo intero ha assistito, dovrebbe verificarsi una stabilizzazione della situazione. Stabilizzazione che porterebbe ad una nuova normalità per qualche tempo. Solo successivamente si registrerebbe un eventuale ripresa dell’attività economica.

Da qui un conseguente miglioramento degli utili. Il problema restano le tempistiche. Ad esempio da Raymond James hanno deciso di scegliere le azioni da comprare a seconda degli scenari di ripresa. Una strategia interessante. Questo perchè, come detto altre volte, trattandosi di un evento quasi nuovo nella storia contemporanea, è difficile prevedere come e quando la finanza, organizzata come lo è oggi, troverà un nuovo punto di equilibrio. Ieri sono state esaminate le azioni da comprare in caso di recupero veloce secondo Raymond James. Oggi, invece, si darà uno sguardo alle le azioni da comprare in caso di recupero lento, sempre secondo il report di Raymond James.

Le strategie di investimento

A differenza delle riprese a V, particolarmente veloci, quelle cosiddette a U prevedono un calo repentino, quindi una stabilizzazione della situazione e successivamente, nel corso di 3-4 anni, la ripresa. Si tratta, quindi, di un percorso più a lungo periodo. Per questo motivo le strategie di investimento tendono a cambiare. Infatti, mentre in caso di ripresa veloce si poteva puntare su tutti quei titoli che, crollati durante la crisi, erano ampiamente sottovalutati, adesso con una ripresa a U i parametri da adottare sono diversi. Un esempio? Tra le azioni da comprare in caso di recupero lento secondo Raymond James consigliano l’acquisto su Verizon Communications Inc. una delle maggiori società di telecomunicazioni statunitensi.

E il settore delle telecomunicazioni, che in questo frangente ha svelato tutta la sua cruciale importanza, confermerà nel tempo questa forza. Forza che permetterebbe al suo ragguardevole dividendo del 4,26% (soprattutto in tempi di tassi ai minimi) di essere sostenibile anche sul lungo periodo. Il target fissato da Raymond James è di $61

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te