Le attese per le prossime settimane per IREN la migliore utility italiana

Quali sono le attese per le prossime settimane per IREN la migliore utility italiana?

Prima di rispondere a questa domanda andiamo a capire perché l’utility torinese si colloca in questa speciale classifica ottenuta andando a guardare il valore del titolo. Per valore si intende un parametro che tiene conto di cinque diversi aspetti: la potenziale sottovalutazione/sopravvalutazione, le attese per la crescita degli utili, la passata crescita degli utili, la politica dei dividendi, la solidità finanziaria. Per ciascuna area si assegna un punteggio massimo pari a 6, per cui il punteggio massimo ottenibile è 30.

Nel caso di IREN il punteggio ottenuto è pari a 20 su 30. I punti di forza sono quelli legati alla potenziale sottovalutazione delle azioni, alla politica dei dividendi, alla solidità finanziaria e alle performance passate. Il punto più debole, invece, è quello legato alle prospettive di crescita degli utili.

Secondo gli analisti che coprono IREN il consenso medio accumulare con un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione del 20%.

Le attese per le prossime settimane per IREN la migliore utility italiana: le indicazioni dell’analisi grafica

IREN (MIL:IRE) ha chiuso la seduta del 18 giugno a quota 2,62 euro in rialzo dello 0,15% rispetto alla seduta precedente.

La proiezione in corso è rialzista e al momento non si intravedono segnali di pericolo sul titolo. In particolare, nel lungo periodo la massima estensione del rialzo in corso si trova in area 5,458 euro per un potenziale rialzista dei oltre il 100% rispetto ai livelli attuali.

Da notare che in questo percorso rialzista ci sono due ostacoli molto importanti.

Il III obiettivo di prezzo in area 2,77 euro potrebbe determinare una battuta di arresto prima di una ripresa al rialzo.

Sul time frame mensile, invece, l’ostacolo ostico per la continuazione del rialzo passa per area 2,946 euro (I obiettivo di prezzo). Si potrebbe, infatti, configurare un doppio massimo con obiettivo in area 2,2 euro.

Solo una chiusura settimanale inferiore a 2,518 euro (II obiettivo di prezzo) inizierebbe a far scricchiolare lo scenario rialzista in corso. Monitora, quindi, con molta attenzione questo livello in chiusura di settimana.

Time frame settimanale

iren

 

Time frame mensile

iren

 

Approfondimento

Settimana prossima sarà decisiva per capire se siamo all’inizio di una fase ribassista sul Ftse Mib Future

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te