L’avocado è ricco di grassi. Fa male o fa bene?

L’avocado è ricco di grassi. Fa male o fa bene? L’avocado è un ingrediente che va molto di moda negli ultimi anni. 

Anche se il più delle volte si tratta di un prodotto importato, soprattutto dall’America Centrale, è ora coltivato anche in Sicilia e in Sardegna.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Si tratta di un frutto molto interessante dal punto di vista nutrizionale, come suggeriscono già il suo particolare gusto e la consistenza. 

Un frutto insolito

Nonostante l’avocado sia un frutto, è prevalentemente composto da grassi e fibre, anziché da zuccheri.

Non è né dolce, né amaro, il sapore è delicato e si adatta alle più differenti ricette. Tra le più conosciute c’è sicuramente la salsa guacamole, nelle sue diverse varianti, arricchita da lime, sale e spezie. Anche semplicemente schiacciato su del pane tostato o messo in un’insalata, diventa una fonte di energia e grassi sani. Può essere un sostituto delle uova o del burro in alcune ricette ed è utilizzato anche nella preparazione di dolci. 

Sconfiggere la paura dei grassi

L’avocado è ricco di grassi. Fa male o fa bene? I grassi dell’avocado sono composti per più del 70% da grassi monoinsaturi. 

I lipidi sono fondamentali per il nostro organismo. Consentono l’assorbimento delle vitamine liposolubili, come A, D, E, K ed F. Sono la materia prima che costituisce membrane cellulari e mielina, indispensabili quindi per il sistema nervoso. Proteggono la nostra pelle dalla disidratazione e dai microrganismi patogeni, perché vanno a comporre il film idrolipidico che la riveste. Forniscono energia, essendo una fonte di calorie molto concentrata, e servono al sistema endocrino per la produzione di ormoni.
È vero che un eccesso di grassi è nocivo, ma è soprattutto il caso dei grassi saturi, di origine animale. 

Da evitare del tutto sono i grassi idrogenati, modificati dall’uomo e associati all’insorgere di patologie cardiometaboliche. 

Per questo è utile privilegiare i grassi insaturi, come quelli dell’avocado. Questi aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo (LDL) e alzare quello buono (HDL), protettivo del sistema cardio-circolatorio. 

Un cibo antiossidante e amico degli sportivi

L’avocado fa bene anche perché contiene vitamine C ed E, che difendono dallo stress ossidativo. La presenza di vitamina K è invece utile per le ossa e per la coagulazione del sangue. È un frutto ricco di sali minerali, come selenio, zinco e potassio. Per questo è utile per l’equilibrio idrico e il benessere dei muscoli. Essendo ricco di fibre, dona senso di sazietà e favorisce il transito intestinale.

Queste caratteristiche, unite all’alto contenuto calorico, lo rendono adatto soprattutto per far fronte a un’intensa attività fisica.

L’avocado è ricco di grassi. Fa male o fa bene?

Abbiamo cercato di rispondere alla fatidica domanda e, come spesso accade, la risposta è che servono equilibrio e moderazione. Solo così trarremo il meglio dalle proprietà di ogni alimento. 

Un cibo come l’avocado, molto calorico e grasso, è sano perché il nostro corpo ha bisogno di grassi e calorie per essere efficiente. Rispetto a cibi di origine animale o grassi idrogenati, oppure prodotti raffinati e pieni di zuccheri, è un’ottima scelta per fare il pieno di energia.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te