L’aumento dei capelli bianchi potrebbe essere il segnale precoce di questa preoccupante patologia cardiovascolare

Avere i capelli bianchi per molti è sinonimo di fascino, maturità, esperienza, ma al di là dell’aspetto estetico, potrebbe indicare anche altro. In particolare, i capelli bianchi, non sono soltanto sinonimo del trascorrere degli anni, ma potrebbero essere una questione genetica. O potrebbero indicare la presenza di problemi psicologici. In particolare, l’ansia, lo stress, il fumo o una dieta sbilanciata potrebbero determinare un incanutimento precoce, ovvero la prima comparsa di capelli bianchi. Ma secondo uno studio, che a breve illustreremo, l’aumento dei capelli bianchi potrebbe essere il segnale precoce di questa preoccupante patologia cardiovascolare.

Fattori di rischio delle malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari sono la causa principale di morte, dopo i tumori, tra la popolazione. In Italia, secondo i dati il 44% di morti è causato dalle malattie cardiovascolari e la più comune è l’infarto miocardico, causata principalmente dall’aterosclerosi. Quest’ultima è una malattia degenerativa dei vasi arteriosi con accumulo di colesterolo. Ad ogni modo, le patologie cardiovascolari sono diverse e con sintomi che possono variare per questo è estremamente importante eseguire i controlli e fare prevenzione.

I fattori di rischio di queste malattie possono distinguersi in modificabili e non. Tra i primi rientrano lo stile di vita sedentario e le abitudini non corrette, come una dieta sbilanciata, ricca di cibi grassi, il fumo, lo stress. Mentre, per quanto riguarda i fattori non modificabili, rientrano l’età, il genere e la familiarità. Per diminuire l’impatto dei fattori di rischio è fondamentale, pertanto, adottare uno stile di vita attivo, imparare a gestire lo stress e seguire un’alimentazione sana. Oltre ovviamente a fare controlli periodici senza sottovalutare anche piccoli sintomi. Infatti, battiti superiori a 90 e cuore che impazza a riposo aumentano questo rischio.

L’aumento dei capelli bianchi potrebbe essere il segnale precoce di questa preoccupante patologia cardiovascolare

Secondo uno studio di alcuni ricercatori, sembrerebbe che ci possa essere una correlazione tra l’aumento di capelli bianchi e malattie cardiache. In particolare, secondo gli studiosi, l’invecchiamento è un fattore di rischio coronarico ed è associato a segni dermatologici. Questi ultimi pertanto potrebbero diventare un marker per determinare un aumento del rischio coronarico. Pertanto, i ricercatori, hanno analizzato l’ipotesi che l’incanutimento possa essere un campanello d’allarme del rischio di malattia coronarica, a prescindere dall’età anagrafica.

Lo studio

Lo studio ha visto protagonisti 545 uomini sottoposti ad angiografia coronarica, per sospetta malattie alle coronarie. Quest’esame, infatti, è in grado di riconoscere l’aterosclerosi e le coronaropatie. Inoltre, in ipotesi di diabete e colesterolo alto tra 40 e 50 anni questo esame preventivo allunga la vita.

I pazienti sono stati suddivisi in gruppi in base alla percentuale di capelli grigi/bianchi e all’assenza o presenza di malattia coronarica. Dai risultati è emerso che i pazienti con malattia coronarica avevano una più elevata percentuale di capelli grigi e una calcificazione dell’arteria coronarica più elevata. Pertanto un’elevata percentuale di capelli grigi potrebbe essere associata ad un aumento del rischio di malattie coronariche indipendentemente dall’età e dall’esistenza di altri fattori. Ciò consentirebbe, quindi, una maggiore prevenzione e maggiore controllo per chi presenta questa caratteristica, due fattori fondamentali per contrastare le malattie cardiovascolari.

Approfondimento

Chi ha 60 anni deve fare questi controlli per una vita longeva e felice

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te