La tirà, la torta dei soldati dei Savoia

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Abbiamo già visto la varietà dei dolci piemontesi e la loro preparazione. Oggi proponiamo una torta che ha un’origine molto antica. La tirà, la torta dei soldati di Savoia, nasce ad Asti per le nuove reclute dell’esercito piemontese. È una torta di origine antichissima e ancora oggi viene preparata con la ricetta originale, che prevede latte, uova e lievito di birra. È un dolce abbastanza povero, ma di grande effetto. Vediamo come realizzarla.

La tirà, la torta dei soldati dei Savoia

  • 500 gr di farina;
  • 130 gr di zucchero;
  • 120 ml di latte;
  • 120 gr di burro;
  • Tre tuorli d’uova;
  • 6 gr di lievito di birra;
  • sale qb.

Procedimento

Ecco come preparare la tirà, la torta dei soldati dei Savoia. Per prima cosa bisogna sciogliere il lievito in due cucchiai di acqua e stemperare con 30 gr di farina. Questo impasto andrà a creare il lievitino necessario per la torta.

OFFERTA SPECIALE - POCHI PEZZI DISPONIBILI
Magia di Stelle Premium: dai un tocco di magia alla tua casa

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Lasciare coperto e lievitare per qualche ora. Quando il tempo sarà passato prendiamolo e uniamoci 40 gr di farina e un po’ di acqua tiepida. Impastiamo tutto e rimettiamo a riposo un’altra volta.

Quando anche questo tempo sarà passato, aggiungere 180 gr di farina, 50 di zucchero, 50 di burro e una parte del latte che dovrà essere tiepido. Impastare bene e lasciare lievitare tre ore. Passate le tre ore, prendere tutti gli ingredienti rimanenti e continuare ad impastare finché si ottiene una pasta bella elastica. Continuare a far lievitare l’impasto al caldo.

Quando sarà il doppio del suo volume, incidere due-tre tagli sulla superficie e spennellare la tirà con gli albumi d’uovo sbattuti.

A questo punto, preparare il forno statico a 180°. Infornare la torta per circa 30 minuti, la superficie dovrà essere dorata e fragrante. Prima di servire il dolce, spolverizzare con lo zucchero a velo, stando attenti che il dolce sia ben freddo.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te