La tassazione sulle rendite fa scendere Piazza Affari?

Dal prossimo 1 luglio 2014, la tassazione sulle rendite finanziarie in Italia sarà del 26 per cento e non più il 20 per cento sulla maggior parte dei prodotti e strumenti finanziari.

In sostanza, l’Italia si alliena agli altri Paesi Europei.

Per quanto riguarda i dividendi, l’aliquota applicata è pari al

  • 26 per cento in Italia – o 12,5 per cento
  • 0 per cento nel Regno Unito
  • 30 per cento in Francia
  • 25 per cento + 1,375 in Germania
  • 21 per cento in Spagna.

Per quanto riguarda invece gli interessi, ovvero i normali rendimenti derivanti dai prodotti bancari e finanziari l’aliquota applicata nei diversi paesi europei è pari al

  • 26 per cento in Italia – o 12,5 per cento
  • 20 per cento nel Regno Unito
  • 18 per cento in Francia
  • 0 per cento in Germania
  • 21 per cento in Spagna.

Per quanto riguarda infine la tassazione del capital gain ovvero i redditi diversi, le aliquote sono di norma un poco superiori e pari ai seguenti livelli:

  • 26 per cento in Italia – o 12,5 per cento
  • 18 – 28 per cento nel Regno Unito – sulla base del reddito
  • 19 + 15,5 = 34,5 per cento in Francia
  • 25 per cento + 1,375 = 26,375 in Germania
  • 21 -27 per cento in Spagna – sulla base del reddito.

Il ribasso di questi giorni, potrebbe essere giustificato da questo aumento e quindi dalle vendite messe in atto, per lucrare lo spread fra oggi e le date posteriori al 1 luglio.

C’è un però: la situazione grafica di Piazza Affari, ne sta uscendo molto in bilico, e non crediamo che il ribasso degli ultimi giorni, possa essere ridimensionato in un  batter d’occhio, dopo il 1 luglio.

Qualcosa non quadra: se è ribasso, questo andrà ben oltre il 1 luglio e la nostra Borsa, sta anticipando molto probabilmente un movimento, al quale gli altri molto probabilmente si accoderanno..presto!

 

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te