La storia vera di Abby Johnson arriva finalmente al cinema in Italia

Settembre è mese di novità per il cinema, con tanti film pronti a tornare nelle sale, dopo la chiusura causata dal Covid. Dagli Stati Uniti arriva una delle pellicole più controverse degli ultimi anni. Un film girato nel 2019 da Chuck Konzelman e Cary Salomon, che tratta una tematica molto delicata come quella dell’aborto. “Unplanned – La storia vera di Abby Johnson” è il racconto di un fatto realmente accaduto all’inizio degli anni 2000 in Texas.

La protagonista, che è magistralmente interpretata da Ashley Bratcher, è Abby Johnson. Ai tempi del college, questa ragazza decide di diventare volontaria di Planned Partenthood, una delle più importante catene americane di cliniche abortiste. Abby crede fortemente nei valori della vita, ma si lascia sedurre dal presunto messaggio positivo della clinica per ridurre il numero di interruzioni di gravidanza. Dopo la laurea, sarà assunta in una struttura texana della Planned e lì inizierà a conoscere una realtà che le porterà un forte sconvolgimento interiore.

La storia vera di Abby Johnson arriva finalmente al cinema in Italia

La storia vera di Abby Johnson, che arriverà nelle sale italiane il 28 settembre prossimo, ha riscosso un importante successo negli Stati Uniti. Tutto ciò nonostante la gran parte dei media abbia deciso di non sponsorizzare il film, scatenando un grandissimo dibattito all’interno dell’opinione pubblica statunitense. Abby, infatti, ha mostrato ciò che non tutti conoscono di quel che realmente succede all’interno delle cliniche abortiste e l’impatto sugli spettatori è stato forte.

L’avvenimento chiave su cui si snoda il film avviene circa un anno dopo la sua assunzione. Per carenza di personale, Abby è chiamata ad aiutare il medico che deve far abortire una donna incinta alla tredicesima settimana. In quel momento, tramite le immagini della radiografia, la giovane sta assistendo alla morte della piccola creatura già sviluppatasi all’interno della pancia della donna. L’immagine della cannuccia ispiratrice che raggiunge il bambino le suscita un profondo shock. Scopre così una realtà totalmente diversa da quella che le avevano raccontato, e decide immediatamente di licenziarsi dalla clinica.

La denuncia di Abby e la sua battaglia

Non solo, Abby vuole anche far conoscere ciò che realmente avviene in quel tipo di struttura. Questo le provocherà enormi problematiche anche a livello giudiziario, con la Planned Partenthood che farà di tutto per screditarla e per cercare di zittirla. La storia vera di Abby Johnson arriva finalmente la cinema in Italia, ma sarà capace di suscitare clamore anche da noi? Un paese fortemente sensibile a queste tematiche, soprattutto per la presenza di una forte connotazione cattolica, come accoglierà questa pellicola? Non sarà tra i film in uscita a settembre da assolutamente da non perdere, ma merita davvero molta attenzione.

Consigliati per te