La spezia perfetta per rinforzare il sistema immunitario

Le spezie orientali sono conosciute per le loro innumerevoli proprietà che concorrono al benessere psicofisico di ciascuno di noi. Zenzero e curcuma, ad esempio, sono tra le più conosciute ed utilizzate in cucina. Note per accelerare il metabolismo e mantenere la salute dell’organismo, sono le protagoniste di numerose tisane e intrugli vari.

ProiezionidiBorsa TV

Esiste in realtà un’altra spezia di cui si trascurano spesso le importanti proprietà ma che si utilizza molto frequentemente nella preparazione di torte e dolci. Questa spezia è la cannella.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Detta anche cinnamomo, la cannella è originaria dello Sri Lanka ma è diffusa in tutto il mondo, specialmente in Europa e Asia.

Il suo sapore intenso e dolciastro la rende perfetta per dare un tocco speziato a biscotti, infusi ed anche al famoso vin brulé.

Ma accanto al suo inconfondibile gusto, la cannella apporta importantissimi benefici che non tutti conoscono. Vediamo quali sono.

La spezia perfetta per rinforzare il sistema immunitario

Le difese immunitarie sono fondamentali per la nostra salute, specialmente in alcuni periodi dell’anno.

Il freddo inverno porta con sé febbre, raffreddore e influenza che si cercano di combattere con farmaci e sciroppi. Tuttavia, esiste un’alternativa alla triste spesa in farmacia. La cannella, infatti, stimola il sistema immunitario ed è una grandissima alleata contro le tipiche malattie invernali.

D’altra parte, grazie alla sua funzione riscaldante riduce i dolori muscolari dovuti agli stati influenzale e febbrile.

I diversi modi per utilizzarla

Come usare la spezia perfetta per rinforzare il sistema immunitario? Abbiamo già detto che la cannella è molto usata in cucina, ma per il nostro scopo riteniamo che un buon infuso sia il modo migliore.

Un esempio è proprio l’infuso di chiodi di garofano e cannella. Basta far bollire dell’acqua in un pentolino con una stecchetta di cannella e massimo due chiodi di garofano. Una volta giunta ad ebollizione, filtrare l’acqua e gustare la buona e speziata bevanda.

Per i più golosi c’è un altro modo a cui si è accennato in precedenza: il vin brulé. Per la ricetta si rimanda a questo articolo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te