La spezia che tutti usano per cucinare nasconde molto di più

La vaniglia è un baccello prodotto da un’orchidea messicana. È talmente parte della nostra cucina da risultare quasi scontata. Nelle prossime righe la redazione di Proiezioni di Borsa spiegherà tutto quello che comunemente non si sa.

Intanto è bene sapere come riconoscere la vera vaniglia. La pianta fiorisce all’età di tre anni, e produce baccelli per circa dieci. Quando si raccolgono non hanno odore. Dopo circa sei mesi di essiccazione vanno chiusi ermeticamente nel vetro.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

Per questi motivi è facile trovare vaniglia di qualità scadente. Oppure alterata, come la vanillina sintetica. Se si usa in cucina per aromatizzare dolci e pietanze la cosa importante è proprio l’aroma. Stessa cosa se si usa per rendere la casa profumata.

La spezia che tutti usano per cucinare nasconde molto di più.

La vaniglia, quella vera, ha proprietà terapeutiche inaspettate. Innanzitutto ci sono studi che ne raccomandano l’assunzione in caso di impotenza maschile. Già gli aztechi infatti ne decantavano le proprietà afrodisiache.

È anche un toccasana contro brufoli e acne. Le pomate a base di vanillina risultano antiossidanti e antimicrobiche. Grazie all’azione antisettica non solo ripulisce la pelle ma la ringiovanisce. Queste proprietà rendono la vaniglia utile anche contro le scottature.

Inoltre è ottima contro la nausea e un buon calmante per lo stomaco. Per contrastare acidità di stomaco e vomito gli infusi realizzati con i baccelli sono un ottimo trattamento.

Altre proprietà terapeutiche

La vaniglia ha un’azione analgesica, rendendola consigliabile per il mal di denti. Inoltre dovrebbe essere inclusa nella dieta di chi soffre di Alzheimer. Non solo perché antiossidante, ma anche per la sua azione verso gli enzimi del plasma cerebrale.

Per finire, studi di laboratorio hanno evidenziato l’effetto dell’estratto di vaniglia sulle cellule cancerose. Il risultato è stata un’attività antimutagena, cioè di protezione del DNA. Un’azione antiossidante e inibente della crescita tumorale.

Ecco perché, la vaniglia, è la spezia che tutti usano per cucinare nasconde molto di più.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te