La speculazione sull’argento non decolla e il rischio per gli investitori aumenta

Come scrivevamo qualche settimana fa La scelta se investire sull’argento o sull’oro dipende dalla propensione al rischio dell’investitore. Nei giorni scorsi abbiamo avuto una chiara dimostrazione di come investire sull’argento esponga a rischi maggiori. Il metallo prezioso, infatti, è stato al centro di una ridda di voci che lo hanno portato a guadagnare anche oltre il 12% in un singolo giorno. Un nuovo caso GameStop, quindi? No, perché la speculazione sull’argento non decolla e il rischio per gli investitori aumenta.

Dopo il mega rialzo del 1 febbraio, infatti, le quotazioni hanno perso oltre il 10% nel giorno successivo.

L’effetto GameStop, quindi, non si è concretizzato per l’argento che adesso rischia un profondo ribasso.

La nascita e la morte della speculazione sul metallo prezioso sono da attribuire a “voci”.  In un primo tempo, infatti,  si era parlato di un attacco dei piccoli investitori contro gli Hedge funds che erano short sull’argento. Questa notizia aveva provocato un rialzo di circa il 15% e tutti temevano/speravano in un nuovo vorticoso movimento rialzista come quello visto su GameStop. Nei giorni successivi, però, c’è stata una smentita che ha provocato un crollo delle quotazioni.

Cosa fare allora?

La speculazione sull’argento non decolla e il rischio per gli investitori aumenta: le indicazioni dell’analisi grafica

L’argento (prezzo in tempo reale) ha chiuso la seduta del 3 febbraio in rialzo del 1,84% rispetto alla seduta precedente a quota 26,889 dollari. 

Time frame settimanale

La tendenza in corso è ribassista e ha già raggiunto il I obiettivo di prezzo in area 26,26 dollari. Una chiusura settimanale sotto questo livello porterebbe le quotazioni verso il II obiettivo di prezzo in area 22,2 dollari. La massima estensione del ribasso, poi, si trova in area 18,16 dollari.

I rialzisti potrebbero riprendere il controllo della tendenza nel caso in cui il supporto indicato resista alle pressioni ribassista e non ci sia un segnale di vendita dello Swing Indicator.

argento

Argento: proiezione ribassista in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

Che un ribasso fosse alle porte era evidente dal grafico mensile. Le quotazioni, infatti, avevano raggiunto il III obiettivo di prezzo in area 28 dollari e questo determina, con elevatissima probabilità l’inizio di un ritracciamento.

Affinché questo scenario venga confermato sarebbe necessaria una chiusura mensile inferiore a 27,15 dollari. In questo caso le quotazioni potrebbero raggiungere area 22 dollari prima e a seguire gli altri obiettivi indicati in figura.

argento

Argento: proiezione ribassista in corso (linea tratteggiata) sul time frame mensile. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te