La sottovalutazione di questo titolo azionario non deve scatenare la corsa all’acquisto

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

CFT è sottovalutato secondo molti parametri, ma la sottovalutazione di questo titolo azionario non deve scatenare la corsa all’acquisto. La situazione grafica del titolo, infatti, è tale da indurre alla prudenza.

Se si confronta il su fair value con le attuali quotazioni la sottovalutazione è di circa il 30%. Secondo le raccomandazioni dell’unico analista che copre il titolo, invece, la sottovalutazione è del 107%. Tuttavia, a supporto del nostro invito alla prudenza la raccomandazione non è Buy, ma Outperform.

Calcolatore del reddito da investimenti
Calcola in soli 60 secondi quali dovrebbero essere i tuoi risparmi per affrontare una pensione confortevole. Se hai 350.000 € da investire, accedi al Calcolatore del reddito da investimenti e agli aggiornamenti periodici

Scopri di più

Applicando il metodo di valutazione dei multipli di mercato CFT risulta essere sempre sottovalutato tranne quando si considera il rapporto prezzo/utili. In questo caso, infatti, il PE del titolo è più che doppio rispetto al settore di riferimento.

D’altra parte i risultati relativi ai primi 9 mesi dell’anno hanno mostrato numeri in contrazione e un indebitamento netto passato da 43,3 milioni di euro a 56,8 milioni di euro a causa dell’impatto della pandemia da Covid-19.

La sottovalutazione di questo titolo azionario non deve scatenare la corsa all’acquisto: le indicazioni dell’analisi grafica e previsionale

CFT  (MILCFT) ha chiuso la seduta del 11 novembre a quota 1,93 euro  in rialzo dello 1,58% rispetto alla seduta precedente.

Come si vede dai grafici seguenti la tendenza in corso è ribassista sia nel medio che nel lungo periodo. Andiamo a individuare i livelli chiave su ciascun time frame.

Time frame settimanale

Le quotazioni si sono molto avvicinate al II obiettivo di prezzo in area 1,743 euro e questo ha provocato un rimbalzo che al momento è bloccato dalla resistenza in area 1,96 euro. Il futuro di CFT nel medio periodo, quindi, si deciderà in prossimità dei due livelli indicati: 1,73 euro e 1,96 euro. Una chiusura settimanale esterna a questi livelli potrebbe dare direzionalità alle quotazioni. Al ribasso gli obiettivi sono quelli indicai in figura. Al rialzo, invece, un primo obiettivo si potrebbe collocare in area 2,32 euro.

cft

CFT: proiezione ribassista in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello inferiore mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi.

Time frame mensile

Nel lungo periodo le quotazioni sono dirette verso area 0,9 euro (I obiettivo di prezzo). Una conferma in tal senso si avrebbe da una chiusura mensile inferiore a 1,665 euro. I rialzisti, invece, potrebbero ripartire al rialzo nel caso di una chiusura mensile superiore a 2,14 euro.

cft

CFT: proiezione ribassista in corso sul time frame mensile. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello inferiore mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi.

Approfondimento

I mercati azionari si avviano verso un forte rialzo di fine anno?

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te