La sottovalutazione del 73% per Esautomotion è ora abbinata ad un segnale rialzista: esplosione in vista?

La sottovalutazione del 73% per Esautomotion è ora abbinata ad un segnale rialzista. Prima di parlare del titolo facciamo una premessa.

Oggi iniziamo questa analisi di un titolo azionario  con una domanda: quali probabilità ha un mercato azionario che dopo un ribasso tornerà a salire? 50,60,70? No, sbagliato, il 100%. A ribassi, ciclicamente seguono rialzi e a rialzi, seguono ribassi. Tutto, è solo questione di tempo,

Queste sono regole di abbecedario che pochi riescono a comprendere,  altrimenti tutti sarebbero dei vincenti. Come mai allora pochi guadagnano in Borsa? Il motivo è la scarsa prospettiva con cui si approccia al tema. Molti seguono invece i miraggi dei facili guadagni e cercano di diventare ricchi in una settimana o un mese. Frattanto gli anni passano e accumulano forti perdite. Se avessero invece comprato e mantenuto asset sottovalutati, avrebbe forse davvero accumulato fortune.

La sottovalutazione del 73% per Esautomotion è ora abbinata ad un segnale rialzista: esplosione in vista?

La società  sviluppa, produce e vende prodotti e servizi di automazione industriale in Italia. Il titolo (MIL:ESAU)  ha chiuso la giornata di contrattazione del 16 dicembre a 2,00. Da inizio anno ha segnato il minimo a 1,265 ed il massimo a 2,62. Il titolo è stato quotato nell’anno 2018 a 3,86  e quindi da quel livello è sceso fino ai valori attuali del 48,18%.

Lo studio dei fondamentali

Si prevede che gli utili cresceranno del 36,04% all’anno. Siamo andati a leggere le raccomandazioni degli altri analisti sul titolo e abbiamo trovato un solo giudizio con prezzo obiettivo a  3,49. Come al solito poi, abbiamo studiato i bilanci degli ultimi anni normalizzandoli con il metodo del discounted cash flow e abbiamo stimato un fair value a 3,46.

Lo studio dei grafici

Nelle ultime 6 settimane si è formato un pattern rialzista e quindi si presuppongono imminenti rialzi. La nostra strategia è di comprare il titolo in apertura del 17 dicembre e  mantenere di lungo termine con stop loss a 1,92.

Quale rischio?

La bassa capitalizzazione (circa 24 milioni) e questo potrebbe portare a forti escursioni delle quotazioni.

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te