La sorprendente ragione per cui questi gatti brillano e sono fosforescenti

Sappiamo bene che gli occhi dei gatti al buio possono brillare. Ma non abbiamo mai sentito parlare di gatti fosforescenti! Anche se sembra incredibile questa è oggi una realtà. Grazie agli avanzamenti della scienza i nostri amati felini possono anche brillare. Attenzione però. I gatti fosforescenti sono esperimenti di laboratorio. Non sono quindi animali domestici che possiamo acquistare. Ciò non li rende però meno interessanti. Ecco la sorprendente ragione per cui questi gatti brillano e sono fosforescenti.

La nascita dei gatti fosforescenti 

Il primo gatto fosforescente risale al 2008. Si chiamava Mr. Green Gene e fu “creato” dal Audubon Center for Research of Endagered Species. La nascita di questo micetto si appoggiò alla clonazione. La svolta arrivò invece nel 2011 presso la Mayo Clinic in Minnesota. Qui per la prima volta videro la luce dei gattini fosforescenti non clonati. Come è stato possibile? Gli scienziati inserirono all’interno degli ovociti della madre i geni che rendevano i gatti brillanti. Attenzione però: questi gatti non brillavano sempre. Apparivano infatti come felini normali. Solo sotto determinate luci il loro corpo diventava fosforescente. Ma la storia non finisce qui! I gatti sono stati in grado di trasmettere questi geni alla loro prole. In questo modo hanno creato una nuova generazione di gattini fosforescenti.

Il segreto è nelle meduse

La sorprendente ragione per cui questi gatti brillano e sono fosforescenti va cercata nelle meduse. Il gene impiantato in questi felini arriva proprio da un tipo di medusa che brilla al buio. L’esperimento però non è stato fatto solo per creare dei gatti brillanti. Lo studio si occupava infatti della cura contro l’HIV. Insieme al gene delle meduse i gatti hanno ricevuto anche un gene che rende le scimmie immuni all’HIV. L’obiettivo dell’esperimento era quindi quello di studiare come questi geni impiantati si attivavano nel corpo dei gatti. Anche i gatti infatti possono soffrire di AIDS come gli umani. L’esperimento quindi aveva come obiettivo quello di studiare modi per bloccare l’HIV nei felini e cercare soluzioni anche per l’uomo.

Consigliati per te